SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Da quando è arrivato a San Benedetto, lo scorso mese di gennaio, lo andiamo ripetendo: è giocatore di tecnica superiore, e quando riesce a giocare come sa e come deve, anche la Samb diventa una formazione piacevole da vedere oltre che efficace.

Tuttavia lo sloveno, che vanta nella sua carriera presenze con la squadra nazionale del suo paese e in Serie A, non sta dando continuità di rendimento. Arrivato alla Samb, ha avuto bisogno di alcune settimane per tornare in forma dopo un periodo in cui aveva giocato poco.

Eppure anche in questa stagione, nonostante abbia disputata l’intera preparazione estiva, Bacinovic non sembra in uno stato di forma ottimale. Così con Moriero, nonostante la fascia da capitano, gli è capitato di partire dalla panchina e spesso, anche, di essere sostituito. Come oggi, dopo appena 45 minuti, in compagnia di Troianiello e Valente. Quasi uno schiaffo, come sono vissute spesso le sostituzioni all’intervallo, senza possibilità di rimediare almeno nei primi minuti della ripresa.

La realtà dice che le formazioni avversarie conoscono ormai il gioco della Samb e sanno come limitare Bacinovic. Vi è quasi una marcatura ad uomo o una “gabbia” a centrocampo, con gli avversari che marcano sistemeticamente il capitano rossoblu impedendogli, come accaduto oggi, persino di ricevere palla dai difensori nella metà campo rossoblu.

E bisogna essere onesti nel dire che il giovane Bove, pur mostrando doti tecniche molto buone, è ai livelli di Bacinovic, quando va bene.

Sta a Moriero risolvere l’incastro, magari creando maggiori alternative tattiche in modo da costringere gli avversari ad una maggiore imprevedibilità. Si può pensare al 4-2-3-1, quindi con un doppio play maker (ma c’è il rischio di non riuscire a coprirsi adeguatamente), oppure anche un 4-3-3 con Bacinovic e Bove assieme. Il vantaggio sarebbe di avere due registi, difficili da limitare entrambi con una marcatura asfissiante; il rischio, quello di un centrocampo che non fa filtro a difesa e terzini in particolare.

Fanta-tattica? Può darsi. O può darsi di no.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.194 volte, 1 oggi)