CASTEL CASTAGNA – Ancora un assalto a un bancomat nel Teramano. Questa volta i malviventi sono entrati in azione in una filiale della Bcc a Castel Castagna.

Intorno alle 23.40 di mercoledì, tre uomini con il volto travisato hanno fatto esplodere lo sportello automatico della banca fuggendo con il bottino (circa 10mila euro) a bordo di un’auto di grossa cilindrata. La forte esplosione, che ha danneggiato seriamente i locali della filiale, ha svegliato alcuni residenti, ma quando i carabinieri sono arrivati sul posto, i banditi avevano già guadagnato la fuga.

Si tratta del 21esimo bancomat fatto esplodere nell’ultimo anno nel Teramano (15 dei quali hanno interessato gli sportelli automatici della ex Tercas). Questo di Castel Castagna, però, potrebbe non essere riconducibile alla ormai banda della marmotta. A portare gli inquirenti verso altre vie ci sarebbero almeno due elementi chiave: l’assenza di polvere pirica sul luogo dell’esplosione (probabilmente i banditi questa volta hanno usato il gas, meno controllabile e quindi più pericoloso) e, soprattutto, il fatto di aver preso di mira una piccola filiale in un posto isolato e dalla difficile viabilità. Diverso dal solito anche l’orario: è il primo colpo avvenuto prima della mezzanotte. Sulla vicenda indagano i carabinieri della compagnia di Giulianova.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 220 volte, 1 oggi)