Modena, Taddeo lascia e la radiazione è a un passo

I calciatori non ritirano la messa in mora e il presidente annuncia l’addio. Col Padova altra sconfitta a tavolino in vista e il girone B a giorni tornerà a 18 squadre

Samb-Modena 2-0, tifosi ospiti

“I giocatori non hanno voluto capire. Ora me ne torno a Varese” avrebbe dichiarato Taddeo che a questo punto lascia il Modena tra i debiti, compreso quello da 170 mila euro con il Comune per lo stadio Braglia dove sicuramente neppure domenica (è in programma la sfida col Padova) si giocherà e allora è più che vicina un’altra sconfitta a tavolino.

A questo punto la radiazione dei canarini da girone B è probabilmente questione di giorni.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.516 volte, 1 oggi)
6

  • Antobart

    In caso di radiazione del Modena credo ci toglieranno 3 punti. Ma la forte esposizione debitoria del Modena era notoria anche prima dell’iscrizione al campionato 17-18 di lega pro. Perché non era stato fatto nulla allora onde scongiurare ex post, a campionato in corso, ritirate di questo tipo. La Samb la partita con Modena la fece, profondendo gioco e spendendo energie….di questo, come per altre squadre che hanno giocato col Modena, immagino non se terrà conto, così a fine campionato la Samb avrà giocato una partita in più rispetto a tante altre squadre senza ottenerne i frutti che le sarebbero spettati in seguito alla disputa sul campo.

    • nazzarenoperotti

      È vero quello che dice ma nulla si può fare per eliminare il problema che comunque non dovrebbe inficiare la regolarità del campionato. Quando negli anni 80 venne escluso l’Arezzo a circa metà campionato o poco più vennero restituiti i punti a chi non aveva vinto con la squadra toscana. Tra quelle squadre la Samb che aveva fatto 0-0 in casa loro. Adesso si dovrebbe dare gara vinta a chi gioca con il Modena nelle prossime otto gare poi dare un’altra giornata di riposo in coincidenza della gara con i gialloblu emiliani. Ne risentirebbe soltanto la media inglese ma in modo insignificante.
      Il vero problema è un altro e riguarda l’ammissione delle squadre: per esempio a me risulta che almeno un’altra squadra è sull’orlo del baratro e non so come potrà essere risolto se dovesse succedere la stessa cosa visto che quella squadra ha conquistato un bel po’ di punti.
      Un pasticcio che ne proseguo del torneo vedrà altri protagonisti simili. Il mio parere è che alla Lega interessa più la quota iscrizione che il problema vero. Forse mi sbaglio ma la cosa certa è che l’italia non può reggere 100 squadre professionistiche. Al massimo 66 con la serie A a 16 squadre, la B a 18 e due C a 16 tra nord e sud. O poco più. Senza dimenticare che nel calcio dilettantistico regna un illegalità ancora peggiore. A discapito di chi paga le tasse regolarmente.
      Conclusione: il calcio è un gioco e non è scritto da nessuna parte che fare il calciatore è un lavoro. Si può continuare a giocare per semplice divertimento. Una volta il calcio era concepito tranne nel momento (raro) in cui diventa spettacolo. In tal caso il problema è totalmente diverso.

      • gianburrasca

        L’iscrizione al campionato l’avrebbero pagata tutti gli ammessi tipo Lumezzane o altre società sane ripescate secondo criterio. Il problema a mio avviso è un altro. La rivoluzione Gravina è stata quella di scimmiottare le leghe superiori impostate sui diritti televisivi.

        Un sistema cosi impostato necessita di grandi piazze che portano introiti, e impianti sportivi all’altezza per disputare incontri notturni visto gli orari imposti da esigenze televisive.
        Questa impostazione per funzionare ha bisogno di grosse piazze e cosi mi spiego l’iscrizione al campionato ad occhi bendati di società con alle spalle grandi piazze a discapito di altre altrimenti il sistema collassa.

        Adesso comunque vada le tessere di soprtube acquistate a Modena o in altra grande piazza quasi al default non verranno rimborsate, l’impostazione economica della serie c comunque vada perderà qualcosa ma ha comunque raggiunto il suo obbiettivo di business.
        Per una serie c cosi impostata i soldi sono più importanti della regolarità del campionato.

        Una lega di serie c per funzionare non può essere impostata sui diritti televisivi.

        P.S Per funzionalità del sistema si è imposto alla Fermana di giocare in notturna pur non avendone le capacità e si è autorizzato l’utilizzo di un generatore che normalmente è di riserva per poi calpestare le regole del diritto sportivo perchè il business viene prima e comunque al di sopra di ogni altra regola.

  • Ninursag

    Come funzionerà l’assegnazione dei punti?
    Verranno tolti i tre punti a chi ci ha vinto tipo la Samb?

    • nazzarenoperotti

      Il Modena ha perso sempre quindi il problema non esiste

  • catwal

    Almeno noi abbiamo visto una bella partita in casa ..meglio che niente!! Peccato per chi si vede annullare i goal personali.