SAN BENEDETTO DEL TRONTO – In mattinata si è celebrato, nelle stanze di Viale De Gasperi, un vertice sul turismo fra l’amministrazione (presente il Sindaco Piunti e gli assessori Tassotti e Olivieri) e le associazioni di categoria fra cui Assoalbergatori, Confesercenti, Confcommercio e Itb. 

Sul piatto principalmente la pianificazione della prossima stagione estiva con l’amministrazione che ha espresso ai suoi interlocutori le linee di programma per quanto riguarda la compilazione del prossimo cartellone estivo. Stop all’utilizzo intensivo di Piazza Giorgini per concerti, sagre e eventi di vario genere e calendarizzazione delle manifestazioni da completare entro la fine di febbraio.

UN “OPEN SPACE” PER CONCERTI & CO. Il primo punto, pare aver trovato d’accordo anche gli operatori, alcuni dei quali hanno evidenziato l’endemica necessità, per San Benedetto, di reperire un “open space” estivo dove poter organizzare musica, presentazioni di libri, mostre. Qualcosa che vada al di là della Palazzina Azzurra il cui valore storico rimane indiscusso ma i cui spazi sono un po’ angusti per eventi di largo respiro. Sappiamo che la maggioranza, sul tema, punta alla ristrutturazione del Circolo Tennis Maggioni che, se dovesse andare in porto la realizzazione di una nuova tribuna ,diventerebbe un piccolo anfiteatro “polivalente”. Altre ipotesi sul breve e sul lungo temine riguardano l’utilizzo dell’ex Galoppatoio e l’idea di una destinazione in tal senso del Ballarin, ipotesi però che presuppone la tanto chiacchierata riqualificazione del vecchio stadio.

TASSA DI SOGGIORNO ED EVENTI. Particolare attenzione è stata rivolta però alla tassa di soggiorno e, forse, è accantonata al momento l’idea di utilizzarla per realizzare la vigilanza in spiaggia. L’idea uscita fuori dal tavolo di stamane è quella di destinare una cifra bonus della tassa per la realizzazione di un grande evento. I ricavi dell’amministrazione quest’anno saranno infatti in incremento rispetto al 2016 (quando vennero incassati 393 mila euro) visto che al momento si parla di 397mila euro nelle tasche di Viale De Gasperi ma, con diverse strutture che devono ancora pagare, si va verso un un aumento di almeno 10 mila euro rispetto alla stagione passata.

NOTTE BIANCA INVERNALE? Soldi in più da destinare al turismo. Stagionale. O magari no. La promessa che si sono fatti operatori e amministratori è quella di rivedersi a novembre quando, ciascuna delle categorie (Balneari, Albergatori, Confcommercio e Confesercenti) proporrà un evento e, al migliore, l’amministrazione sembrerebbe voler concedere un “tesoretto” da 20 mila euro. Top secret ancora le idee ma, a quanto pare, Confesercenti e il presidente Sandro Assenti starebbero pensando a una notte bianca invernale da celebrare a marzo. Negozi aperti e gente in strada (magari non tutta la notte) anche col giaccone pesante.

Il Sindaco poi è intervenuto anche sulla questione lungomare avanzando la proposta di realizzare altri 500 metri del tratto Nord attraverso una serie di cessioni di immobili (ci sarebbe anche la ex scuola Curzi) e di spostamenti di plessi scolastici, un “giro” che ha portato il primo cittadino a prevedere (è un’idea a quanto pare) lo spostamento della sede dei vigili al posto dell’attuale asilo di Via Puglia, in zona Ospedale. Una strategia nei piani della maggioranza e teorizzata magari, ma ancora non messa nero su bianco nei documenti programmatici. Sul tratto già realizzato e in corso di realizzazione invece, da registrare il malcontento di qualcuno, fra gli operatori del turismo, per il fatto che le balaustre e gli accessi al mare rimarranno (almeno inizialmente) fuori dai piani di interventi.

P.s. L’Itb in particolare avrebbe chiesto la creazione di un luogo dove poter riunire con più frequenza il suddetto “tavolo” che diventerebbe una sorta di circolo del turismo.

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 624 volte, 1 oggi)