SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Prato di gioco in buone condizioni, buona risposta del pubblico rossoblu e otto tifosi romagnoli giunti al Riviera delle Palme: inizia così Samb-Santarcangelo, che vede i rossoblu chiamati alla terza vittoria consecutiva per restare nei piani alti della classifica.

In realtà si muove bene inizialmente il Santarcangelo e occorrono alcuni minuti affinché i ragazzi di Moriero (oggi in tribuna per squalifica) riescano a prendere le misure. Merito dei lanci di Bacinovic, della vivacità di Troianiello a destra e Valente a sinistra, e della gestione da “regista avanzato” di Miracoli. Tuttavia il gioco rossoblu è tutt’altro che continuo.

Una Samb che finalmente cresce attorno al 20′, e costruisce l’azione migliore della partita, con Valente, davvero pungente, che avvia l’azione, pesca Troianiello che taglia in area e poi gira per Miracoli il quale calcia in mezza girata al volo, Bastianoni respinge in tuffo.

Sale Vallocchia, in questa fase iniziale, assieme a Gelonese, un po’ in ombra. Ad ogni modo la sfuriata iniziale del Santarcangelo, che ha fatto soffrire la Samb con la sua fisicità, sembra esaurita. Anche se al 28′ in una ripartenza del Santarcangelo è il sambenedettese Piccioni che s’avvicina al gol, con un potentissimo esterno destro dal limite che esce di poco a lato, anche se Aridità era sulla traiettoria. Risponde la Samb con un lancio di Gelonese a Troianiello, girata di destro da posizione impossibile, palla che esce di pochissimo sul secondo palo. Una gara ora molto più vivace, con la Samb in gran forma avvicinandosi alla mezz’ora, fino al gol annullato a Miceli.

Eppure risponde ancora la formazione romagnola con un altro tiro da brividi di Bruschi, palla alta.

Il primo tempo finisce 0-0, una Samb che dopo il primo quarto d’ora ha preso il dominio del gioco anche se le ripartenze ospiti sono sempre molto calibrate, grazie anche ad una buona forza dei giocatori in maglia bianca. Diverse le occasioni per i rossoblu, ultima una stoccata di sinistro di Vallocchia respinta con difficoltà da Bastianoni, con la “catena” destra formata da Troianiello e Rapisarda che funziona bene mentre a sinistra dopo un buon avvio di Valente l’esterno rossoblu è andato un po’ a sprazzi, poco accompagnato da Tomi.

La ripresa nei primi minuti non dà alcuna emozione, con una  Samb involuta, anche se poi c’è una doppia occasione grazie a Miracoli con salvataggio sulla linea. Moriero decide di cambiare e mette Bove ed Esposito al posto di Bacinovic e Valente. Bacinovic però ci sembrava tra i migliori nella Samb.

Appena un minuto dopo occasione d’oro per l’ex Piccioni, sulla sua conclusione a colpo sicuro un grande Aridità respinge tra gli applausi del pubblico.

Tutto cambia dopo l’eccezionale marcatura di Vallocchia, che riceve palla di prima da Miracoli e di forza sfonda la linea avversaria fino ad un sinistro potentissimo scagliato quasi dalla linea di fondo. Purtroppo le disattenzioni di Patti e Miceli consentono agli ospiti di pareggiare dopo pochi minuti.

Moriero tenta il tutto per tutto con il 4-2-3-1, Di Massimo al posto di Vallocchia, con Gelonese e Bove coppia mediana. Samb che poi attacca a testa bassa ma confusamente, fino al gol di Miceli che riscatta l’errore precedente e fa venire giù il Riviera tutto.

Proprio Di Massimo approfitta della porta vuota lasciata da Bastianoni, che si era buttato in attacco alla disperata, per depositare in rete dopo una corsa di 50 metri.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 2.429 volte, 1 oggi)