MONTEPRANDONE – “Un pizzico di emozione c’è, inutile nasconderlo. Anche se prevale la consapevolezza che sarà una stagione molto dura. Ma crediamo ciecamente nei nostri giovani”.

A poche ore dall’esordio stagionale nel girone C di serie A2 (sabato 7 ottobre alle 18, contro Carrara, al Colle Gioioso: ingresso gratuito), il vicepresidente dell’Hc Monteprandone Pierpaolo Romandini (nella foto con il fratello Roberto, presidente) carica la squadra: “I ragazzi hanno un campionato importante come quello di B alle spalle. Ne faranno tesoro”.

Stagione senza mezze misure: le prime 2 classificate agli spareggi promozione, le ultime 6 retrocesse.

Monteprandone battezza la lunga annata (22 giornate, chiusura il 21 aprile), con la neopromossa Carrara, capace di vincere tutte e 16 le partite dell’ultimo torneo di B. Giovane anche la squadra aprutina, per un avversario alla portata. “Dovremo costruircela soprattutto in casa la nostra salvezza” avverte coach Andrea Vultaggio, che per la prima uscita dovrà rinunciare allo squalificato Sabbatini (l’unico volto nuovo) e a Khouaja, indisponibile per impegni personali. “Giusto, alla resa dei conti sarà il fattore campo a fare la differenza” rafforza il concetto il vicepresidente Pierpaolo Romandini.

Intanto, con il nuovo Vademecum introdotto dal Consiglio federale cambia l’attribuzione dei punti in classifica: 2 per la vittoria, 1 per il pareggio e 0 per la sconfitta. Reintrodotta la possibilità di concludere le gare con il risultato di parità durante il campionato

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 178 volte, 1 oggi)