GROTTAMMARE – Le vecchie prospettive, il senso comune, le “verità assolute” e soprattutto lei, la Noia, a Grottammare hanno le ore contate. Bastano 2 dépliant ribelli di 29,7×42 cm per spazzarli via.

Giovedì 28 settembre alle 21.15, presso la sala Kursaal, si terrà l’inaugurazione della XXIII Stagione Culturale dell’Associazione Blow Up (PROGRAMMA). Ospiti il regista Claudio Romano e la sceneggiatrice Elisabetta L’innocente, che dialogheranno con il pubblico e presenteranno gli interessanti lavori Con il Vento (2016), Verso Casa (2017) e In the fabulous Underground (2012). L’ingresso è con tessera annuale (10 euro) che può essere sottoscritta prima dell’iniziativa.

L’associazione grottammarese torna in pista piena di idee ed energia, stimoli e appuntamenti che accompagneranno la città tutti i giovedì (ma non solo) fino a luglio 2018. “Qualunque cosa pensi, pensa il contrario” è il nuovo capitolo blowuppiano, titolo ispirato dal capolavoro del 2006 di Paul Arden, il compianto e geniale direttore esecutivo creativo di Saatchi&Saatchi, tra le più importanti agenzie pubblicitarie del mondo.

I suoi prossimi asteroidi infuocati potrebbero essere già pronti a colpirci se pensiamo che non esista un ricco calendario multidisciplinare che chiama all’appello persone di tutte le età e di tutti i gusti; che fa incontrare cinema, teatro, danza, filosofia, letteratura, arte, gioco, musica e gusto, coniugando momenti di riflessione e divertimento, di scambio e vita condivisa per arricchire creativamente ognuno di noi. Pensiamo il contrario, conviene.

“Non abbiamo a che fare con una semplice stagione, ma con delle stagioni al plurale, come da tempo ci ha abituati Blow Up – commenta il sindaco Enrico Piergallini – Il segno più evidente di questi ultimi anni è l’ampliamento dei linguaggi analizzati. L’audiovisivo è stato il punto di partenza per compiere dei viaggi verso nuove contaminazioni. È una stagione per tutti i gusti”.

La proposta culturale è cresciuta nel tempo in quantità, qualità e varietà. Grazie alla passione e all’impegno, un duro lavoro di contatti iniziato la scorsa primavera e proseguito per tutta l’estate.

“Da qualche anno il cartellone è un contenitore – spiega Sergio Vallorani, presidente Blow Up – Il 28 settembre inaugureremo la stagione con Claudio Romano e Betty L’innocente, con cui abbiamo aperto anche lo scorso anno. Questo perché abbiamo deciso di dare sempre più spazio ai giovani talenti del territorio, come videomaker, saggisti e musicisti. Da diverso tempo coinvolgiamo anche le scuole. Abbiamo riconfermato la serie La Visione e l’Enigma, inaugurata nel 2016 con grande successo, che indaga le relazioni tra cinema e filosofia. Quest’anno sarà curata degli studenti dell’IIS “Fazzini-Mercantini” di Grottammare e dei Licei “Leopardi” e “Stabili-Trebbiani” di San Benedetto e Ascoli Piceno. Ci saranno anche delle cene letterarie, curate da Filippo Massacci, perché non abbiamo mai lasciato il momento conviviale con la cultura. Non mancheranno ospiti importanti, come Chantal Ughi (22 marzo), ex modella e pluricampionessa mondiale di Tai Box. Ci sono poi diversi appuntamenti a cui tengo molto: ospiteremo Marco Cruciani, che ci parlerà de Il Caso Crivelli (5 ottobre) e poi il prof. Roberto Cresti, che terrà una lectio magistralis sulle arti in Russia (26 ottobre), in occasione del centenario della Rivoluzione d’Ottobre“.

Il grande amore dell’associazione è da sempre il cinema, che continuerà ad avere numerosi appuntamenti: “Diversi sono i film, tutti legati tra loro dal filo rosso dell’infanzia e dell’adolescenza – continua Vallorani – una serie che abbiamo chiamato L’età dell’incontrario, che riprende il titolo della stagione – una provocazione, un invito a pensare fuori dagli schemi. Ce ne saranno altri di controversi, come il super censurato A Mosca Cieca (16 novembre) e Sfashion di Mauro John Capece (19 ottobre), realizzato con una fotografia straordinaria e candidato al Premio David di Donatello”.

La musica tornerà ad essere protagonista, ma in versione potenziata: quest’anno al jazz si aggiunge il rock, e ben vengano le contaminazioni con il cinema e l’arte.

“Ospiteremo il Giacinto Cistola Trio (14 dicembre), che darà vita alle improvvisazioni jazzistiche dal vivo su cortometraggi muti, e gli Iteration (5 gennaio), un supergruppo locale i cui artisti sono tutti impegnati da lungo tempo in diverse band, fanno una musica molto atmosferica e particolare. Per noi hanno messo in piedi un concerto con videoproiezioni 3D artistiche ed ologrammatiche, con cui i membri interagiranno dal vivo, curate dal videomaker Sandro Bocci, che sta riscuotendo molto successo per le collaborazioni con Terrence Malick e Darren Aronofsky”. (Degustazioni enogastronomiche prima e dopo il concerto, se può interessare).

Ma non è finita. C’è tutta una sezione dedicata agli eventi collaterali della stagione, che non sono meno di quelli principali. Torneranno infatti i laboratori e gli incontri presso la Biblioteca Comunale: il laboratorio ludico per attività plastiche, “Fiori non solo futuristi”, rivolto a bambini e ragazzi dai 5 ai 18 anni, e condotto da Luca Parmegiani e Susanna Faviani; il corso di cucito per bambini dai 6 ai 13 anni tenuto da Silvana Illuminati; infine ogni mese si riunirà il bookclub “Librigiganti”, un’occasione per scambiarsi opinioni e impressioni con gli altri membri sui libri letti.

Spazio anche al teatro, che quest’anno raddoppia alla grande.

Dal 12 ottobre a marzo, tutti i giovedì dalle 21 alle 23, si terrà al Dep Art il Laboratorio di teatro-danza “Di pari passo”, ispirato al libro “Donne che corrono coi lupi”, condotto da Antonella Crivellaro ed Erica Amatucci in collaborazione con l’Associazione Culturale Sinestesie. Si concluderà il 15 marzo al Kursaal con uno spettacolo tematico messo in scena dai partecipanti. “Il laboratorio sulle opportunità di genere è molto attuale – sottolinea Antonella Crivellaro, presidente Sinestesie – Sebbene sia ispirato ad un libro sulle donne, è aperto anche agli uomini, che sono i benvenuti. Sarà un laboratorio molto corporeo, per riuscire a capire come si arriva a determinate situazioni”.

Dal 2 ottobre a luglio, si terrà la nuova edizione dell’Officina Teatrale – Viaggio Cosmico Letterario, condotta dal regista e attore Vicenzo di Bonaventura. Tutti i lunedì si svolgeranno le lezioni della scuola, mentre a martedì alterni andranno in scena 20 (venti!) performance e recital sempre diversi. Ovvio che con una quantità di appuntamenti così, il Maestro nel calendario della stagione Blow Up non ci entrasse. Infatti ne ha uno a parte, che da solo gli fa concorrenza.

“Ho anche dovuto tagliarlo – scherza Di Bonaventura – Abbiamo fatto un lavoro meraviglioso, ma non ci è bastato. Tra l’anno scorso e quest’anno, gli spettacoli sono 52: un compendio di musica, arte e bellezza. Nel 2016, abbiamo concluso il percorso portando in scena L’Edipo Re di Sofocle al Giardino del Castello di Grottammare, in 3 versioni differenti per 3 serate, ed è stato un successo. Quest’anno vorrei concludere con l’Antigone, ma al campo sportivo, per cercare di coinvolgere un numero ancora più consistente di persone. Sogno di proporre entrambe le tragedie una dietro l’altra. Non è impossibile, perché nel nostro Paese c’è un teatro di alto livello dalle grandi potenzialità, ma purtroppo gran parte delle persone è più attratta dai volti del piccolo schermo che dalla qualità”.

Grande il suo entusiasmo per la nuova stagione culturale di Grottammare, ma come l’anno scorso, la risposta del regista è una domanda che scotta: “Bisogna fare qualcosa per dare visibilità a queste proposte. Le persone non si rendono conto del loro valore, di quanto siano preziose. Chi ce l’ha un calendario culturale così? Non ce l’hanno Roma né Milano”.

Forse non ce l’ha nessuno, ma per evitare di piangere pensiamo il contrario. Pensiamo a chi ce l’ha.

Info e contatti
Ingresso gratuito a tutte le iniziative (escluse quelle teatrali e le cene letterarie) con tessera abbonamento F.I.C. 2017/2018 rilasciata dall’Associazione Culturale Blow Up al costo di 10 euro.

BLOW UP sitopagina fb
associazioneblowup@gmail.com – 339 6409483

OFFICINA TEATRALE sitopagina fb
dibonaventura50@gmail.com – 338 1042523

Il biglietto di ingresso agli spettacoli teatrali ha un costo di 5 euro; la scuola di teatro, di 30 euro al mese.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 617 volte, 1 oggi)