ARIDITA’ 6 Chiamato in causa solo nell’azione del 2-0, nella quale tra l’altro compie un grande intervento salvando sulla prima conclusione di Petrucci.

MATTIA 6 Schierato a sorpresa, soffre un po’ nei primi minuti. Prende poi le misure della partita e chiude bene la sua corsia e nel finale offre un pallone d’oro a Damonte. Bene comunque nella ripresa.

CONSON 6 Meno preciso rispetto alle ultime prestazioni, commette qualche piccolo errore e soffre stranamente la fisicità di Cremona, anche se vince il duello personale.

PATTI 6 Gara gagliarda che affronta a maniche corciate, da stopper vecchio stile.

TOMI 5,5 Riparte la sfida con Petrucci, il quale gode di meno libertà rispetto alla “prima” ma continua a rivelarsi un cliente scomodo. A volte deve intervenire con le cattive, ammonito.

BACINOVIC 6 Tiene da subito la squadra molto alta, il suo avvio è da incorniciare. Nella ripresa invece tenta troppo spesso appoggi difficili con un campo via via deteriorato che non consente giocate di fino, e talvolta mette in difficoltà la propria difesa.

DAMONTE 6 Si pesta un po’ i piedi con Bacinovic anche se il campo molto pesante richiedeva un centrocampista della sua stazza. Migliora nella ripresa, quando la partita diventa una corrida. Sua l’occasione migliore ma spreca.

VALLOCCHIA 6 Parte indiavolato, cuce in fase difensiva e riparte palla al piede rilanciando l’azione. Perso l’ardore iniziale, resta impigliato nella ragnatela dei canarini.

DI MASSIMO 5,5 Non entra in partita, contrariamente a quanto mostrato fino ad ora entrando a gara iniziata. Parte meglio nella ripresa ma continua a commettere errori in appoggio. Troppo nervoso.

VALENTE 6 Molto attivo sulla corsia destra, autore di buoni spunti e un paio di cross insidiosi. Non si ripete poi nella ripresa.

MIRACOLI 5,5 Qualche volta sembra eccedere nel tocco ulteriore per allargare ai compagni, quando invece dovrebbe cercare anche la conclusione dalla distanza.

BOVE 6 Ci mette l’anima e va alla conclusione che sembra indirizzata in porta ma impatta sfortunatamente sul volto di Miracoli.

SORRENTINO sv

TROIANIELLO sv. Ci prova su punizione.

ESPOSITO sv Ultimi minuti in cui mette però del “pepe” nella partita.

MORIERO 6 Corregge l’impostazione troppo allegra della prima mezzora del 3 settembre, ricorrendo al doppio incontrista di centrocampo, Vallocchia-Damonte. Di fatto è un’altra Samb, combattiva anche se non precisa anche a causa di un campo che non consente certo le migliori giocate ai calciatori più tecnici. Rossoblu che così tengono in mano il gioco ma arrivano raramente al tiro, al di là di alcuni spunti di Valente e Bacinovic ad inizio gara e delle due conclusioni di Damonte e Bove nella ripresa. Anche se non era impresa semplice rimontare in una situazione del genere, ovviamente.

Male, anzi malissimo a livello tattico la Samb in occasione del gol del 2-0: vero che Moriero ha richiamato Aridità che voleva anche lui lanciarsi verso l’area di rigore, ma non si è mai vista una squadra che in occasione di un calcio d’angolo non lascia neppure un calciatore al limite dell’area, pronto a raccogliere la ribattuta ospite. Così si è regalato il più ingenuo dei contropiede, robe che non sono tollerabili a questi livelli.

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.666 volte, 1 oggi)