SAN BENEDETTO DEL TRONTO – La vigilia di Samb-Feralpisalò si apre con qualche brivido per i rossoblu, in ansia per le condizioni di Vittorio Esposito. Il fantasista molisano infatti, ha avuto qualche problema muscolare durante la settimana, tanto che, in occasione del test con la Berretti di giovedì, è rimasto soltanto a guardare i compagni, a bordo campo e in “borghese”.

I PROBABILI 22 IN CAMPO. Oggi per l’ex Matelica ci dovrebbe essere il consulto con i medici che dovrebbe schiarire il fronte ma è probabile che il ragazzo non venga rischiato, anche perché Moriero può contare su valide alternative sulle fasce, Valente in prima fila e il più serio candidato a un posto sulla sinistra domenica. Con Bacinovic anche lui acciaccato, ma che dovrebbe essere in campo, proviamo a buttare giù i 22 che si daranno battaglia al Riviera dalle 18 e 30.

Samb (4-2-3-1) All.: Moriero

Aridità

Rapisarda Conson Patti Tomi

Bacinovic Gelonese

Troianiello Vallocchia Valente

Miracoli

 

Guerra Ferretti

Martin Capodaglio Dettori Staiti Vitofrancesco

Ranellucci Emerson Alcibiade

Caglioni

Feralpisalò (3-5-2) All.: Serena

 

PARLA MORIERO. Quella di sabato, però, è una giornata utile non solo per tastare la condizione fisica dei calciatori ma anche per capire un po’ meglio che aria tira nello spogliatoio dopo una settimana un po’ particolare fatta di sospensioni, attese per le decisione di lega e giustizia sportiva e giudizi, inevitabilmente parziali, dopo i 30 minuti di Fermo.

“Affrontiamo una squadra forte e con nomi importanti che è costruita per vincere e, a differenza nostra, è meno giovane e ha meno bisogno di crescere partita dopo partita” chiosa Francesco Moriero, uniformandosi a una corrente di pensiero che vede la formazione lombarda rafforzata da un mercato fatto di colpi che hanno iniettato una bella dose di esperienza alla Feralpi (Dettori, Vitofrancesco e Emerson su tutti), iniezione che però non ha ancora fatto effetto pienamente sul campo visto che gli uomini di Serena, dopo un avvio da urlo in cui hanno espugnato Reggio Emilia si sono poi arresi in casa al Renate.

“Sarà una battaglia” continua Moriero “ma mi aspetto sia che il nostro pubblico ci dia una mano sia che i ragazzi ci mettano quell’aggressività mancata a Fermo e che è fondamentale in una serie, come la C, in cui il livello della qualità è medio-basso”. Già Fermo, una partita, o meglio spezzone, che all’allenatore non è piaciuto ma anche un punto di ri-partenza: “Vogliamo mettere da parte quei 30 minuti in cui la Fermana è sicuramente partita più forte di noi” chiosa Moriero in un tratto della sua conferenza stampa “ma bisogna anche capire che in condizioni come quelle, su un campo stretto e in una partita sentita per loro ci sta di soffrire. Resto convinto, però, che quella gara potevamo riprenderla” prosegue l’allenatore che infine lancia un monito:”Se pensiamo di dover vincere va bene, ma se pretendiamo di dover stravincere ogni volta senza soffrire, parliamo di un calcio astratto che non esiste nella realtà”.

Adesso i rossoblu, dopo una mattinata di riposo si ritroveranno alle 18 e 30 al Riviera delle Palme per l’allenamento di rifinitura, che il mister terrà a porte aperte.

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.864 volte, 1 oggi)