Servizio di Giuseppe Buscemi, montaggio a cura di Alessandro Foschi

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – La cerimonia di avvicendamento fra Pappacena e Morelli si è svolta alla presenza del Contrammiraglio Francesco Saverio Ferrara, Direttore Marittimo delle Marche, che ha sottolineato l’importanza di questa Capitaneria, situata nella quinta città della regione «che vive un virtuoso rapporto con il mare», una città che ha il maggior porto peschereccio dell’Adriatico e 50 chilometri di costa – fra le foci dei fiumi Chienti e Tronto – da controllare e amministrare.

«Vengo da “mondi” diversi e lontani rispetto alla bella realtà che in questi giorni ho già potuto apprezzare», ha detto nel suo saluto il comandante Morelli. «Vengo da 11 anni trascorsi in mare sui pattugliatori della Guardia costiera. Dall’Albania a Lampedusa, dal confine greco-turco al Senegal fino, recentemente, alla Libia»

E difatti Alessio Morelli, come Comandante di Motovedetta, ha partecipato alle principali operazioni di soccorso di migranti nel Mediterraneo nel quadro di missioni nazionali e, in qualità di Comandante del Pattugliatore d’altura “U. Diciotti” e “L. Dattilo, a numerose missioni europee nell’ambito di Frontex (l’Agenzia Europea delle Frontiere) sia in Atlantico che in Mediterraneo, sempre sul fronte dell’emergenza migratoria.

E al collega Comandante Rino Pappacena, destinato ad un importante incarico presso il Comando generale a Roma, Alessio Morelli ha confidenzialmente augurato: ”fair winds and following seas”. Venti favorevoli e mari tranquilli.

 

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 929 volte, 1 oggi)