FERMO – Il Ministero dell’Interno – Direzione Centrale Anticrimine della Polizia di Stato ha allestito, con attrezzature e dotazioni di Polizia Scientifica, due furgoni denominati “Moving Lab”, dei veri centri operativi in movimento. Questi svolgono principalmente una doppia funzione: In primo luogo, possono fornire ausilio alle attività di Polizia Giudiziaria e/o servizi di ordine pubblico, predisponendosi come basi logistiche per eseguire in loco attività di foto segnalamento o analisi speditive di presunta sostanza stupefacente. In secondo luogo, i Moving Lab, adeguatamente predisposti con attrezzature e dotazioni che simulino un’ipotetica scena del crimine, rappresentano un favorevole spazio di comunicazione istituzionale rivolto al cittadino, per far conoscere le attività della Polizia di Stato, specie quelle della Polizia Scientifica; previste anche attività ludiche per i più giovani.

Il Moving Lab il 31 agosto è a Porto San Giorgio, viale Bruno Buozzi, dalle ore 15 fino alle ore 18. mentre nei giorni scorsi ha fatto tappa in diverse città delle Marche e dell’Abruzzo, territorio di competenza del Gabinetto Interregionale di Polizia Scientifica per le Marche, con sede ad Ancona, diretto dal Dott. Massimiliano Olivieri.

Nelle tante città Italiane in cui è stato presentato. Il Moving Lab ha riscosso forte interesse nei cittadini aumentando il senso di sicurezza percepita. L’equipaggio è composto da personale della Polizia Scientifica di Roma, di Ancona, oggi affiancato da due Operatori di Polizia Scientifica del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Fermo.

Il mezzo avrà anche un utilizzo operativo nei posti di controllo che saranno allestiti. In quest’ambito, gli operatori potranno fornire un appoggio operativo per le attività di fotosegnalamento dei soggetti fermati, privi di documenti e/o con a carico provvedimenti dell’Autorità Giudiziaria, o altro.

In tale contesto già nella serata di ieri, il personale del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Fermo, in occasione di un servizio straordinario di controllo del territorio svolto in località Lido Tre Archi e Porto Sant’Elpidio, si è avvalso del “Moving Lab” e del personale ad esso assegnato, fornendo un notevole supporto alle attività di contrasto alla criminalità.

Inoltre le famiglie con i bambini, ma anche adulti e interessati al settore, nell’ambito dei servizi di rappresentanza potranno conoscere le attività e parlare con gli Operatori della Polizia Scientifica che si prodigheranno nel dispensare informazioni ai visitatori, ai bambini desiderosi di sapere e ai giovani attentissimi nell’ascoltare e apprendere le tecniche della Polizia Scientifica, dalle impronte papillari, agli identikit e alle tecniche per il campionamento del DNA.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 215 volte, 1 oggi)