SAN BENEDETTO DEL TRONTO – E’ inevitabile che il mercato monopolizzi l’attenzione del mondo Samb, almeno per le prossime ore. C’è però tutto un mondo, quello sportivo, e dei calciatori proiettati verso gli impegni sportivi che, quelli sì a differenza di trattative e voci, rappresentano obiettivi certi.

E chi sembra ben concentrato sulle prossime partite, col derby di Fermo in prima fila, è il portiere rossoblu Vincenzo Aridità, che oggi ha incontrato la stampa, chiarendo, prima di tutto, le voci legate ai suoi “acciacchi” fisici: “E’ vero ho avuto qualche problema, legato soprattutto agli acciacchi che mi porto dietro dall’anno scorso. Adesso però sto bene – chiarisce l’ex bandiera del Lanciano – e lavoro ogni giorno per arrivare al massimo della forma”.

Forma che sembra essere già buona per tanti suoi compagni, autori di una gara positiva contro il Modena. “Siamo partiti subito aggressivi domenica scorsa perché volevamo fare bene. Abbiamo sofferto un po’ nel secondo tempo- ammette l’estremo difensore- ma l’importante era vincere perché ci permette di avvicinarci al derby contro la Fermana nel modo migliore”. Già, il derby, una partita che è sempre difficile e Aridità lo sa bene: “Domenica affrontiamo una neopromossa che, avendo perso la prima, vorrà rifarsi, tanto più in un derby. Sarà una partita difficile e in un campo stretto e insidioso. Prepariamoci a una battaglia” chiosa il calciatore.

Ultime battute, poi, sui compagni, definiti da Aridità “un bel gruppo fatto di bravi calciatori e brave persone”, anche se, qualche sorpresa Aridità dice di averla avuta: “Mi avevano descritto Esposito come un ragazzo difficile e invece ho trovato un vero professionista. E anche Di Massimo, da quel che vedo, si allena con un’altra testa rispetto all’anno scorso” chiude il portiere.

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.047 volte, 1 oggi)