TERAMO – Sono stati completati i lavori al liceo “Milli” di via Carducci a Teramo: un intervento che ha recuperato all’uso l’ultimo piano dove saranno sistemate 15 aule. Nei giorni scorsi il presidente Renzo Di Sabatino e il consigliere delegato all’edilizia scolastica, Mirko Rossi, hanno incontrato la dirigente scolastica dell’Iti e dell’Ipsia di Teramo nonché reggente del “Milli”, Stefania Nardini, per un confronto sulle proposte alle quali stanno lavorando i tecnici dell’ente dopo la decisione di chiudere il “Marino”.

Com’è noto, infatti, la Provincia, dopo che sia gli studi di vulnerabilità sismica sia le indagini statiche hanno dato un risultato non soddisfacente con numerosi parametri negativi,  ha deciso di chiudere l’Ipsia e di trasferire altrove gli studenti. “Bisogna trovare sedici aule che contiamo di recuperare fra il Milli e l’Iti, naturalmente si tratta di soluzioni temporanee perché il recupero del Comi di viale Bovio ci consentirà di poter contare su ampi spazi e di ripensare la collocazione degli istituti sulla base delle esigenze emerse in questi anni: dalla necessità, prioritaria,  di garantire la sicurezza a quella di pianificare in maniera più logica l’uso delle strutture esistenti sulla base dell’andamento delle iscrizioni” ha dichiarato a margine della riunione il presidente Renzo Di Sabatino. Per quanto riguarda l’Ipsia, come sottolineato dalllo stesso Presidente, saranno i tecnici a valutare se ci sono le condizioni per recuperare la struttura con un intervento di ristrutturazione e di adeguamento.

La prossima settimana, come spiega Mirko Rossi, andrà in gara il progetto di miglioramento sismico del Comi: “Porterà l’indice di vulnerabilità sismica dell’intera struttura del corpo più antico, quello frontale, allo 0,80. Qui recuperiamo uno spazio ‘sicuro’ per una popolazione studentesca di circa oltre 800 persone. Un intervento significativo, quindi, non un semplice restyling,  che sarà realizzato nei prossimi mesi”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 64 volte, 1 oggi)