SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Blitz delle Fiamme Gialle contro l’abusivismo commerciale.

L’ingente sequestro è stato messo a segno dalla Compagnia della Guardia di Finanza di San Benedetto del Tronto nell’ambito dell’esecuzione del “Dispositivo operativo per il contrasto alla contraffazione e all’abusivismo commerciale organizzato”: un Piano di intelligence elaborato dal Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Ascoli Piceno che, affiancandosi al Dispositivo permanente di contrasto ai traffici illeciti, si pone quale ulteriore strumento di carattere operativo volto a prevenire e a contrastare qualsivoglia illecito di natura economica e finanziaria.

Sono principalmente due, quindi, le direttrici strategiche delineate dal Comando Provinciale di Ascoli Piceno nel contrasto ai traffici illeciti di ogni natura, che trovano il 28 agosto un’ulteriore conferma di concretezza attraverso il sequestro di 630 articoli contraffatti di note griffe, operato nei confronti di due soggetti extracomunitari abitanti nel centro cittadino di San Benedetto del Tronto.

Un mix di attività di intelligence frutto dell’intreccio delle analisi rivolte alle risultanze del controllo economico del territorio che, muovendo dal monitoraggio degli affitti “in nero”, dell’abusivismo commerciale e dei traffici dei prodotti contraffatti in Riviera (attività tutte intensificate in via naturale nel corso della stagione estiva) hanno portato le Fiamme Gialle sambenedettesi a circoscrivere l’attenzione investigativa verso una ben individuata ristretta zona della stessa cittadina, ove si era acquisita la notizia relativa alla vendita di prodotti contraffatti riproducenti le ultime collezioni delle marche più blasonate.

Il primo intervento è stato eseguito nella periferia di San Benedetto attraverso il fermo di un’autovettura con a bordo due soggetti extracomunitari che, sulla scorta delle evidenze del dispositivo, erano già nelle attenzioni delle Fiamme Gialle quali presumibili corrieri, ed anche venditori, di prodotti contraffatti: una conferma arrivata nell’immediato, allorquando dal baule della macchina fermata sono saltati fuori i classici sacchi di plastica contenenti “campionari” di scarpe, borse e accessori di note marche.

La successiva perquisizione effettuata all’interno dell’appartamento utilizzato dai due corrieri ha consentito di rinvenire il notevole quantitativo di capi contraffatti, per effetto del quale i due sono stati denunciati all’Autorità Giudiziaria per i reati di contraffazione e di ricettazione, contemplati dal Codice penale.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 790 volte, 1 oggi)