CUPRA MARITTIMA – Ad aprire la XV edizione del Cupra Musica Festival, venerdì 1 settembre, ore 21.30, al Museo Malacologico, sarà il duo pianistico composto da Lucia Romanelli e  Marco Allevi, entrambi diplomati brillantemente al conservatorio “G. Rossini” di Pesaro con il M. Donella Sabatini. Il duo Romanelli-Allevi  vanta un’attività artistica quasi ventennale, con numerosi primi premi vinti in concorsi nazionali ed internazionali, recital nelle più importanti stagioni concertistiche in Italia ed Europa.

I musicisti accompagneranno gli ascoltatori in un viaggio lungo tutto il Novecento, con musiche originali per pianoforte a quattro mani e trascrizioni di autori come Ravel, Rachmaninoff, Prokofieff, Bernstein, Gavrilin, in un programma entusiasmante e adatto a tutti.

Protagonisti d’eccezione della seconda serata del Cupra Musica Festival, sabato 2 settembre, ore 21.30, al Museo Malacologico, sono il flautista di Parma Claudio Ferrarini e la pianista giapponese Aki Kuroda.  Claudio Ferrarini è icona del flauto italiano e ha un repertorio discografico, di oltre 165 titoli, tra i più vasti; è atteso dal pubblico delle sue tournées mondiali ed apprezzato dalla critica con i toni entusiastici di USA Today («Oltre a suonare con trasporto e scandito virtuosismo ci trasporta in una vera estasi al cuore e all’anima») e de La Repubblica («con Claudio Ferrarini è protagonista il virtuosismo assoluto, la freschezza del suono con una sensibile inclinazione al bel canto»). Aki Kuroda è apprezzata non solo come pianista di musica classica e contemporanea, ma anche come interprete di tango e jazz; oltre all’attività di pianista  compone musica per trasmissioni e spot pubblicitari televisivi curandone la trascrizione. Suoneranno musiche di Debussy, Stravinskij e Rachmaninoff in un recital originalissimo dal titolo “Attraverso il sogno come gesto e vitalità ritmica”.

Doppio appuntamento per domenica 3 settembre con il Cupra Musica Festival, in due luoghi inusuali per il festival,a due passi dalla riva e all’aria aperta (tempo permettendo) e con un genere diverso di musica (popular music e jazz).

Si parlerà di musica leggera italiana e in particolare del rapporto tra artisti, cantautori, malavita e servizi segreti alla presentazione dell’ultimo libro di Michele Bovi «Note segrete. Eroi, spie e banditi della musica italiana» (Graphofeel Edizioni, 2017), alle 18 presso lo Chalet La Sirenella. Saranno presenti Michele Bovi, autore, giornalista, caporedattore centrale del Tg2, dirigente di Raidue e capostruttura per l’intrattenimento di Raiuno e il M. Vince Tempera, celebre pianista, direttore d’orchestra e compositore italiano.

Il jazz sarà invece protagonista alle 21.30, all’anfiteatro sul mare di viale Bergmark (lungomare nord), dove si terrà il concerto del sassofonista toscano Giovanni Bagioni e del fisarmonicista toscano Emiliano Benassai, che partendo dal tango condurranno poi gli ascoltatori nei meandri dell’improvvisazione jazz.

Quella di lunedì 4 settembre è forse la serata più attesa della XVesima edizione del Cupra Musica Festival: alle 21.30, nella splendida cornice di villa Vinci-Boccabianca, si terrà il recital del M Domenico Nordio, uno dei musicisti più acclamati del nostro tempo. Vincitore di numerosi concorsi, il Gran Premio dell’Eurovisione ottenuto nel 1988 (Nordio è l’unico vincitore italiano nella storia del concorso) lo ha lanciato alla carriera internazionale. Da allora si è esibito nelle sale più prestigiose del mondo (Carnegie Hall di New York, Salle Pleyel di Parigi, Teatro alla Scala di Milano, Barbican Center di Londra, Suntory Hall di Tokyo, Concertgebouw di Amsterdam, Sala Tchaikovskij di Mosca, Teatro Municipal di Rio de Janeiro, Teatro Colon di Buenos Aires…), con le maggiori orchestre, tra le quali London Symphony, National de France, Accademia di Santa Cecilia di Roma, l’Orchestra Nazionale della RAI, l’Orchestre de la Suisse Romande.

Nordio proporrà un intero recital per violino solo, interamente dedicato al compositore tedesco Johann Sebastian Bach, di cui eseguirà la seconda sonata e la seconda partita per violino solo del 1720, composizioni affascinanti e complesse, diventate capisaldi del repertorio per violino solo, in cui Bach ha tentato di superare ogni limite tecnico dello strumento.

Quest’anno l’ultimo appuntamento del Cupra  Musica Festival 2017 sarà offerto dall’Avis Provinciale per il suo 70° Anniversario, si svolgerà il 5 settembre alle ore 21.30 nella splendida Villa Vinci Boccabianca. Regalerà le più belle pagine musicali il Trio di Beethoven n° 4  op 11, in cui il clarinetto il violoncello e il pianoforte dialogheranno tra loro con temi cantabili ed episodi vivaci ricchi di virtuosismo per terminare nell’ultimo tempo  con nove variazioni dove si potrà ascoltare  la bravura tecnica di tutti e tre gli strumentisti. I componenti del trio sono: al violoncello Frieder Berthold, al clarinetto Roberto Santiano, al Pianoforte Massimo Giuseppe Bianchi.
Nella seconda parte si ascolterà il Trio di Brahms  in La min  Op 114 , l’allegro espressivo , un adagio in cui  il clarinetto di interseca accompagnamento del pianoforte per lasciare spazio al violoncello per concludere con l’allegro finale.
Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 653 volte, 1 oggi)