SAN BENEDETTO DEL TRONTO – I rossoblu superano i canarini di Ezio Capuano per due a zero. Sblocca Troianiello al 4′, poi qualche gol mangiato e alla fine Valente chiude i conti a tempo scaduto.

Franco Fedeli: “Abbiamo sofferto troppo, sono contento ma non al 100% per questo esordio. Per fortuna “San” Valente ci ha tolto gli ultimi pensieri cattivi di una partita troppo tribolata per me. Qualche giocatore, si vede che non è ancora in condizione. Nel primo tempo abbiamo fatto bene, parecchie occasioni ma di fronte, sinceramente, avevamo un avversario che non ha prodotto molto. Il mercato? Chiude il 31, quindi aspettiamo per dire che è chiuso, non so se ci sarà un colpo finale, se ci sarà una grossa occasione la coglieremo”.

Nicola Valente: “Purtroppo in settimana ho avuto un piccolo problema che purtroppo è arrivato in un momento molto vicino alla partita e non ero pronto per giocare dall’inizio. Sono felice però per questa vittoria; sono contento anche per il gol, in cui ho cercato di tenerla bassa per insaccare a colpo sicuro, il merito però è di Rapisarda che mi ha fornito un assist di gran livello.Sono un giocatore più da assist che dal gol, in carriera il mio massimo sono i 6 gol dello scorso anno. Il Modena è una squadra temibile che in certi frangenti ci ha messo in difficoltà. Bravi noi a spuntarla e adesso andiamo a Fermo con un buon morale.”

Gennaro Troianiello: “Sono felice per il gol e per la vittoria all’esordio, l’unica arrabbiatura arriva per un gol mangiato che era più facile del primo. I gol purtroppo si sbagliano ma mi tengo il momento perfetto del gol e della corsa sotto la curva, è stata una liberazione perché non segnavo praticamente da due anni (ultimo gol in Avellino-Salernitana dell’autunno 2015 ndr.)”.

Francesco Moriero: “Sui gol sbagliati ci possiamo fare poco, sono questioni di fortuna e bravura individuale. L’importante è che i ragazzi abbiano dato il massimo e abbiano seguito i miei consigli, si sono preparati alla battaglia. L’importante era vincere e soddisfare la platea, prima missione compiuta e adesso dobbiamo continuare per migliorare certi aspetti, uno su tutti il palleggio e poi l’aspetto fisico perché le prime 3 o 4 gare di campionato sono sempre difficili dal punto di vista della condizione. La prossima a Fermo? Ogni partita è una battaglia ma noi scendiamo in campo per vincere sia in casa che in trasferta”.

Padovano (allenatore in seconda del Modena): “Ci prendiamo la buona prestazione, col lavoro magari miglioreremo, ma questo è il calcio. Loro hanno dei giocatori letali davanti, che in campo aperto ti ammazzano. Temevamo la loro profondità e quindi siamo partiti un po’ col freno a mano tirato e il gol preso subito ha sconvolto i piani. Nel primo tempo abbiamo sofferto altre occasioni da parte loro ma nel finale potevamo anche pareggiare. Nella ripresa, nonostante qualche errore e poche palle gol, in campo si è visto quasi solo il Modena. Aspettiamo altri 2 o 3 giocatori dal mercato, la rosa è troppo corta.”

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 2.080 volte, 1 oggi)