SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Riceviamo e pubblichiamo un comunicato stampa degli esponenti di Articolo Uno Giorgio Mancini e Luca Spadoni. Il tema? L’affidamento a privati dell’asilo nido comunale “giardino delle Meraviglie” di Via Mattei a Ragnola.

 

“Il 24 agosto è scaduto il bando per l’assegnazione dalla gestione dell’asilo nido comunale “giardino delle Meraviglie” di Via Mattei. Si compie così un ulteriore passo verso la privatizzazione di uno dei servizi comunali più delicati ed importanti.

Il tutto nasce dalla modifica del regolamento comunale sui servizi educativi 0-3 anni, avvenuta nel consiglio comunale del 29.04. scorso (delibera C.C. n.28/17). Il consiglio comunale in quella seduta ha modificato l’art.2 del regolamento in questi termini:

Vecchio testo: “ il servizio Nidi d’infanzia viene erogato dal comune si SBT tramite i nidi a gestione diretta. Il comune può in aggiunta stipulare convenzioni con soggetti privati per la riserva di posti bambino”.

Testo modificato: “I servizi educativi 0-3 anni vengono erogati dal comune di SBT tramite i nidi di infanzia, le Sezioni primavera ed altre tipologie di servizi educativi 0-3 mediante gestione diretta o indiretta.”

Appare evidente che quella che, nel testo abrogato, veniva prevista quale forma residuale di gestione, e cioè l’affidamento a privati, da attivarsi solo in caso di insufficienza di posti presso la struttura pubblica, diviene con la modifica vigente una delle forme ordinarie di gestione del servizio che l’amministrazione può scegliere in alternativa a quella diretta. E ciò è quello che effettivamente è avvenuto. Con la successiva delibera n.82 del 25.05.17, infatti, la Giunta comunale ha dato indirizzi attuativi per l’organizzazione dei servizi, in particolare disponendo che le insegnanti in forza all’asilo di via Mattei venissero distribuite nell’altro asilo nido comunale (La Mongolfiera) e presso le sezioni primavera di Via Marchegiani e di Via Mattei (la prima da ampliarsi allo scopo e la seconda da istituirsi ex novo).

Con determina n.795 del 01/08/17, la Dirigente politiche sociali e welfare ha indetto la gara per l’affidamento a privati della gestione per un anno dell’asilo Giardino delle Meraviglie (bando pubblicato il 2/08 e scadente come detto il 24/08), secondo il criterio della offerta economicamente più vantaggiosa.

Questa scelta amministrativa porterà quindi al completo smembramento dello staff delle educatrici addette al “Giardino delle Meraviglie”, e di conseguenza alla perdita di esperienza e competenze professionali consolidate e della stessa continuità nel rapporto con gli utenti, bambini e genitori. (Senza considerare che l’appalto avrebbe durata di un anno con le immaginabili conseguenze derivanti dal possibile avvicendarsi nel corso del tempo di diversi soggetti gestori).

Contrariamente a quanto sostenuto dall’amministrazione, poi, non si ottiene alcun reale risparmio di spesa, in quanto il venir meno dei costi della struttura privata (affitto, utenze, derrate alimentari, personale di cucina), è la conseguenza della integrale soppressione del servizio in convenzione, quindi di una riduzione dell’offerta sociale ai cittadini, e non di una ottimizzazione e razionalizzazione dei costi del servizio stesso.

Sta di fatto che l’amministrazione Piunti in qualche mese ha portato in porto la privatizzazione di uno dei principali servizi comunali, che oltretutto costituiva una punta di eccellenza per la nostra città, con riconoscimento unanime della qualità e professionalità del servizio offerto, senza oltretutto alcun coinvolgimento delle famiglie e dei cittadini, alla faccia della partecipazione sempre sbandierata e mai realmente praticata dal nostro Sindaco.”

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 485 volte, 1 oggi)