SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Riceviamo un comunicato stampa del segretario sambenedettese del Pd Edward Alfonsi che sviscera i contenuti della recente riunione del direttivo del partito.

“Ho convocato il Direttivo il giorno della vigilia di Ferragosto, in via urgente, perché ritengo che alcune scelte vadano fatte senza alcun rinvio e consapevoli della gravità del momento che vive il nostro territorio.

Il filo comune degli argomenti trattati è stato il ruolo da protagonista che San Benedetto del Tronto rivendica a livello provinciale, regionale e nazionale.

Come organizzazione del PD siamo tra i primi delle Marche. Abbiamo fatto un Congresso di rinnovamento e messo in campo una nuova classe dirigente per il rilancio della città. Abbiamo chiesto attenzione e considerazione al Segretario regionale Comi che si è reso disponibile ad incontrarci nei prossimi giorni.

Si è parlato di sanità: vogliamo che la discussione sull’ospedale unico non significhi un “abbandono” della struttura attuale, dell’ospedale di San Benedetto, che invece va implementata e rilanciata.

Si è molto parlato del caos della movida e della sicurezza dei cittadini, dell’inadeguatezza delle iniziative culturali e turistiche dell’Amministrazione Piunti.

Per l’Agroalimentare abbiamo chiesto che si faccia presto. Le imprese del Piceno non possono attendere, rinvii e dilazioni. Il fattore tempo è decisivo per le sfide che attendono il nostro territorio sofferente, provato dalla crisi e dal terremoto. Sul nome dell’Amministratore Delegato il PD di San Benedetto condivide l’indicazione univoca fatta dalla Regione. Quindi auspichiamo che sia il Comune di San Benedetto che la Provincia raccolgano al più presto tale indicazione, senza perdite di tempo. Colonnella peraltro ha fornito un curriculum di indubbio valore, sia sotto il profilo istituzionale (Presidente della Provincia per 10 anni e Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri) ma anche sotto il profilo economico (animatore del “Patto territoriale del Piceno”: 150 milioni di euro di investimenti complessivi che hanno riguardato infrastrutture e imprese del Piceno: Merloni, Barilla, Pfizzer, Unimer, Hotel Casale ed altre); è stato inoltre Presidente della Start e dell’Istituto Musicale Spontini. Un curriculum, quindi, di eccellente livello.

Abbiamo rilevato che non ci sia uno scontro su Ittico e Anghiò, tra Urbinati e Di Francesco. Entrambi nella riunione del Direttivo del PD hanno sottolineato il valore della manifestazione Ittico. Entrambi hanno detto che sarebbe stato meglio mantenere anche Anghiò, come manifestazione ormai affermata e conosciuta a livello nazionale.”

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 709 volte, 1 oggi)