MASSIGNANO (AP) – Nel pullulare di sagre e feste che caratterizzano il periodo estivo, ce n’è una che è riconosciuta come la sorgente di tutte le altre. Si tratta della “Sagra delle Frittelle“, che dal 1958 si svolge a Massignano, il 14 agosto, fregiandosi così del titolo di sagra più longeva del Piceno.

Un evento capace di unire la cultura di un tempo alle usanze e abitudini dei nostri giorni. La frittella di Massignano, divenuta prodotto De.C.O. lo scorso anno, rappresenta la tradizione di questo piccolo borgo, unica ed inimitabile, con una ricetta che si tramanda di generazione in generazione.

Giunta alla sua 59a edizione, la manifestazione si svolge presso il campo polivalente, in via Parco delle Rimembranze. Gli stand gastronomici, che apriranno partire dalle 18 offriranno, oltre alle immancabili frittelle, tortellini, pizzette fritte, salsicce, arrosticini di castrato, fagioli con cotiche, e molto altro. La serata sarà allietata dalla musica dal vivo della band “Sun Beat Air”, pronta a suonare fino a tarda notte.

Da sottolineare, inoltre, la possibilità, presso la sala consiliare in piazza Garibaldi, di visitare, già dai giorni antecedenti la sagra, la collettiva di pittura degli artisti Giuseppe Alesiani, Patrizia Monzio Compagnoni e Ewa Maria Hamczyk.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 278 volte, 1 oggi)