TERAMO – A conclusione dell’incontro di calcio del 28 maggio presso lo stadio “G. Bonolis” di Teramo, tra la locale formazione e quella del Lumezzane, valevole per i play out del campionato nazionale di Lega Pro, girone B, alcuni ultras locali si resero responsabili di gravi atti di violenza nei confronti degli stewards che stavano a presidio delle uscite della curva. In quell’occasione forzarono anche un cancello.

L’immediata attività investigativa svolta dalla Digos, diretta dal Vice Questore Aggiunto Luca Benedetti, ha consentito l’identificazione e la conseguente denuncia di sei tifosi (dai 22 ai 52 anni).

A carico dei tifosi, attesa la gravità dei fatti rilevati, sono stati irrogati dal Questore provvedimenti interdittivi, meglio conosciuti come daspo, particolarmente severi. La durata, a seconda dei casi, va da tre, cinque e otto anni. In particolare, per tre supporter, già in passato destinatari di analoga misura, la durata del provvedimento sarà di 8 anni, di 5 anni a carico di altri due e 3 anni quello per il sesto tifoso intemperante.

Per tutti, ad esclusione di quest’ultimo, è stato disposto anche l’obbligo di presentazione presso un Ufficio di Polizia in occasione degli incontri ufficiali della squadra del Teramo Calcio.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 287 volte, 1 oggi)