SAN BENEDETTO DEL TRONTO – I tifosi interisti, giunti in massa, al “Riviera delle Palme” di San Benedetto nella serata del 6 agosto, hanno apprezzato la vittoria e il gioco dell’Inter contro gli spagnoli del Villarreal.

Le reti di Eder, Jovetic e Brozovic hanno dimostrato ulteriormente che i nerazzurri sono in palla. Buona prestazione anche dal capitano Icardi, in campo dopo l’infortunio, autore di un assist. Sembra tornato l’entusiasmo intorno alla squadra dopo tanto tempo. Merito va anche a mister Luciano Spalletti che sta lentamente lavorando per riportare ordine e bel gioco. L’Inter non giocherà le coppe europee quest’anno e l’obiettivo dichiarato è la qualificazione in Champions League. Alcuni nerazzurri, però, vogliono sognare in grande e guardano allo Scudetto.

Difficile ma non impossibile. E una mano potrebbe arrivare proprio da San Benedetto. E dalla cabala. Le ultime due big che hanno giocato allo stadio “Riviera delle Palme” in estate, hanno poi vinto il campionato.

Prima la Juventus: nel 1997 giocò contro il Bayern Monaco e vinse 1 a 0 grazie a Filippo Inzaghi. La squadra, allora guidata da mister Marcello Lippi, era già una corazzata con campioni come Del Piero, Zidane, Deschamps, Davids e tanti altri. Era campione d’Italia in carica e vice campione d’Europa. Dopo quell’amichevole rivinse il campionato (contro l’Inter di Ronaldo, il brasiliano) e arrivò in finale di Champions League contro il Real Madrid, perdendo per uno a zero.

Nell’estate 1998 arriva al “Riviera delle Palme” il Milan di Alberto Zaccheroni contro il Celta Vigo. I rossoneri erano un cantiere aperto: erano arrivati Oliver Bierhoff e Thomas Helveg insieme al tecnico romagnolo dall’Udinese per rilanciare una squadra che negli ultimi due anni aveva deluso, non centrando le qualificazioni europee. Aveva ancora campioni come Maldini, Albertini, Costacurta, Weah, Leonardo e Boban che però erano un po’ appannati. Il Milan vinse 1 a 0 a San Benedetto grazie a un rigore del croato, procurato da Kluivert (in procinto di passare al Barcellona). A sorpresa vinse, in seguito, il campionato dopo una rimonta spettacolare sulla Lazio: i biancocelesti avevano sette punti di vantaggio nelle ultime sette giornate e cedettero ai rossoneri proprio sul traguardo.

E’ vero, nel 1998 giocò anche la Juve (di nuovo) al “Riviera delle Palme”. I bianconeri persero contro l’Espanyol per 1 a 0. Era un’amichevole ma in campo non parse proprio dati i forti scontri fra i calciatori. Del Piero fu espulso per fallo di reazione. Il campionato fu molto travagliato: Lippi esonerato a metà stagione e Ancelotti, subentrato al viareggino, centrò la qualificazione all’Intertoto ma perse in semifinale di Champions League contro il Manchester United. Inoltre il capitano bianconero si era rotto a inizio stagione il ginocchio.

Possiamo dire che l’Inter di Spalletti assomiglia molto di più al Milan di Zaccheroni. Naturalmente non ci sono dati certi e stiamo solo ipotizzando e immaginando giocando con le coincidenze però chissà, magari alla fine il “Riviera delle Palme” si rivelerà un ambito talismano per le squadre di Serie A.

(Letto 830 volte, 1 oggi)
Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 830 volte, 1 oggi)