GROTTAMMARE – È bastato poco, appena scaricati per le vie del paese alto di Grottammare, i pianoforti hanno trovato subito il pianista che li attendeva ed è stata la gioia dei fortunati che si trovavano nelle vie del vecchio borgo e lì sono rimasti fino a notte inoltrata.

Da una idea dell’associazione Paese Alto e dall’impegno e caparbietà di Tonino Biccheru è stato creato un evento, “Piano cerca pianista” che ha incantato i visitatori, i clienti dei ristoranti che la sera di sabato 29 luglio si sono trovati per le vie del borgo.

All’ingresso del paese, erano disponibili sessanta sedute perennemente occupate dal tramonto a notte inoltrata da spettatori incantati ad ascoltare la musica del maestro Adrian Theodor Vasilache e del suo alternare pensieri, poesie,analisi sulla musicalità del suono,delle parole, del canto e di tutto ciò che è melodia con davanti agli occhi lo sfondo del mare ed un cielo stellato da togliere il fiato. Nelle Piazzette del borgo si sono alternati giovani studenti del conservatorio, appassionati e dilettanti di tutte le età che hanno assaporato, contagiati dal momento è dalla atmosfera, un momento di gloria davanti ad un pubblico che non ha risparmiato applausi a nessuno.

Nell’ora tarda si stazionava ancora in strada davanti a pianoforti ammutoliti nella speranza che qualcuno desse voce e musica allo strumento per continuare a sognare. Amici incontrati pieni di una gioia interiore come riappacificati con se stessi, pieni nell’animo di serenità e di magia .

“È stata proprio una notte magica grazie all’Associazione Paese Alto, grazie a Tonino e a tutti quelli che sì sono impegnati per l’evento. È solo la prima volta. Sarà un appuntamento annuale perché finalmente il pianista ha trovato il suo piano e non lo lascerà più” affermano gli organizzatori.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 390 volte, 1 oggi)