MARTINSICURO – Dopo gli eventi urgenti sul fosso Garzia, il sindaco, Massimo Vagnoni, ha incontrato nei giorni scorsi i referenti dei principali consorzi di bonifica per iniziare ad avviare un percorso condiviso per provare a risolvere i problemi dei  principali fossi e canali di scolo della città.

“Nel corso della riunione – si legge in una nota del sindaco – mi sono raccomandato affinché i rispettivi consorzi si attivino, ognuno per le rispettive competenze, per addivenire alla stipula degli atti necessari per poter garantire una regolare manutenzione dei tanti canali e fossi che si trovano in uno stato inaccettabile dal punto di vista di rischio idraulico e sanitario. I prossimi passi saranno quelli di coinvolgere le due Regioni (Abruzzo e Marche) per trovare il giusto percorso giuridico che possa indurre anche il Consorzio Marche ad intervenire in ausilio al nostro Comune ed al Consorzio di Bonifica Nord Teramo.

Nel frattempo, come fatto con il Fosso Garzia, non ci limiteremo ad aspettare o a chiedere preventivi di intervento come in passato, esponendo la nostra Città a rischi inaccettabili, ma faremo la nostra parte anche al di là delle competenze comunali intervenendo sui canali che presentano una maggiore criticità. Contestualmente avvieremo, nelle prossime settimane, progettazioni inerenti la sistemazione idraulica di diversi canali che sottoporremo agli enti sovracomunali al fine di ottenere adeguati finanziamenti per un territorio che merita maggior considerazione. Confidiamo che, attraverso un’adeguata programmazione e stimolando tutti gli enti competenti a prendersi le proprie responsabilità, si possa garantire una maggior sicurezza ai nostri cittadini sin dai prossimi mesi. Intanto ringrazio i Consorzi per l’impegno assunto nel condividere con noi un percorso che dovrà però produrre presto risultati concreti.

Infine da sabato prossimo partiranno controlli congiunti della Protezione Civile e della Polizia Provinciale sull’asta fluviale del Vibrata . L’obiettivo sarà quello di avviare una seria e adeguata azione di monitoraggio, anche delle aste fluviali, al fine di neutralizzare eventuali fonti di inquinamento che incidono sulla qualità delle acque di balneazione. Il controllo verrà esteso anche a tutti i principali canali che sfociano al mare in modo da attuare un controllo continuativo su tutto il territorio comunale .

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 176 volte, 1 oggi)