MONTEFIORE DELL’ASO – Venerdì 28 luglio prenderà il via la Sagra della Frutta, la Sagra storica di Montefiore dell’Aso che trae le sue origini dall’antica Sagra della Pesca nata nel 1955 ed organizzata dalla Pro Loco in collaborazione con l’Amministrazione Comunale.

La festa, che si terrà anche nei giorni di sabato 29 e domenica 30 luglio, animerà il centro storico con un programma ricchissimo e 4 aree ristoro ovvero la Locanda Flora con le tipicità locali e i piatti a base di frutta , l’Arena Canta magna  bbeva con il cibo di strada, la Cantina de li Rliccati  con gli aperitivi e le stuzzicherie, il Chiosco de li Clandestini  dedicato al dopo cena.

Il programma della giornata prevede alle 21.30 presso il  Chiostro di San Francesco la rappresentazione teatrale “La Dolce Fabbrica (omaggio a La fabbrica di cioccolato)” organizzata in collaborazione con il Consiglio Comunale dei Ragazzi. Alle 22.30 in piazza della Repubblica il “one-day-festival” Venerdindie, il progetto nato dall’incontro tra i giovani della locale Pro Loco ed i responsabili del Collettivo Mazzumaja di Comunanza, il noto evento estivo piceno la cui decima edizione è stata purtroppo annullata a causa del sisma che ha reso inagibile la tradizionale location presso il centro storico.

Dopo il MainStage delle due band emergenti Pro.Va. ed Allarme si potrà assistere al concerto della musa ispiratrice della musica Indie italiana Nada che si presenterà in set con A Toys Orchestra. A seguire Fruit Party, notte dance con l’atteso Vinyl Dj-set old school by Dj Twin ambientato in uno degli scorci più suggestivi dell’antico incasato.

Unica importante tappa per la Regione Marche di un tour estivo che sta raccogliendo consensi di critica e incredibile entusiasmo tra il pubblico. Nada, protagonista di una storia densa di successi ed autrice di un caleidoscopico percorso artistico, sarà accompagnata da una Band musicalmente autorevole, dal piglio rock, cresciuta anche di influenze internazionali. Due esperienze artistiche che hanno saputo raccogliere consensi trasversali. Una miscela che semina emozioni e promette di infiammare il palco di Montefiore dell’Aso.

Molti i piatti tipici che si potranno degustare nei tre giorni: gnocchi al castrato, pennette pesca, fragola e salsiccia, salsicce, spezzatino con le mele, arrosticini, patatine fritte, zucchine fritte, tanta frutta oltre all’immancabile vino locale. Il piatto di punta è la gustosa e dissetante macedonia con la pimpinella ed i pinoli, un accostamento che mira a valorizzare la frutta tipica della Valdaso insieme alle “erbe trovate.”  Ci sarà anche la possibilità di scegliere la frutta da assaggiare a pezzi  oltre che assistere a dimostrazioni di  intagli di frutta.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 357 volte, 1 oggi)