SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Pubblichiamo una nota stampa che arriva dal Consigliere Comunale del Pd Tonino Capriotti, che esprime alcune considerazioni dopo i lavori della Commissione bilancio (di cui è presidente) riunitasi nel pomeriggio del 12 luglio.

“Al prossimo Consiglio comunale sarà discusso l’assestamento di bilancio. Sono emersi nuovi costi da coprire, ma la cosa più sorprendente è la scoperta di una possibile entrata di almeno 400.000€, secondo una giustamente prudenziale interpretazione degli uffici, relativa all’IMU sui pannelli fotovoltaici a terra. A circa 80 imprese verrà richiesto il pagamento di questa imposta, a quanto pare sfuggita in un primo momento.
Per recuperare questa somma si prevede di incaricare una società, che sarà pagata in base alla somma incassata, con un tetto massimo.
Emergono molti interrogativi da questa notizia:
1) manca solo questa voce di entrata all’appello o il Comune ha altri incassi possibili che sfuggono? Mi vengono in mente l’occupazione del suolo pubblico in tutte le forme, e l’ambito delle affissioni che sembra essere un mondo da esplorare. Possiamo verificare?
2) è possibile pagare sulla base dell’incasso. Perché non viene fatto anche con gli incarichi conferiti dalla giunta per il recupero dei crediti?
3) era possibile utilizzare risorse interne? Perché non sono richiesti al personale questo tipo di obiettivi invece di ricorrere a personale esterno? Questo è il compito della Politica: porre degli obiettivi, verificare gli esiti e premiare i meritevoli, e lasciare la gestione del personale alla dirigenza.”

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 817 volte, 1 oggi)