SANT’EGIDIO ALLA VIBRATA – Mercoledì 12 luglio, alle ore 21 in Piazza Europa a Sant’Egidio alla Vibrata il Comune ospita lo spettacolo per bambini e ragazzi della compagnia Terrateatro dal titolo “Lenta non è la lumaca”.

Una produzione del Teatro Stabile d’Abruzzo che vede in scena due attrici che, con le loro abilità differenti, racconteranno la storia della lumaca Ribelle. L’ingresso è gratuito.

Il lavoro dal titolo “Lenta non è la lumaca” è liberamente ispirato alla fiaba di Luis Sepùlveda “Storia di una lumaca che scoprì l’importanza della lentezza”.

Un prato ricco di “saporite” piante di dente di leone, una vita tranquilla ed abitudinaria. Poi, ecco, all’improvviso, una giovane lumaca che pretende di sconvolgere questo quieto ordine con la sua curiosità e le sue domande insensate: “Perché non abbiamo un nome? Perché siamo lente?”. Così la bestiola “ribelle” decide di allontanarsi, per cercare chi potrà offrire una risposta ai suoi dubbi, suscitando nelle altre rabbia e sarcasmo.Lungo la strada della sua ricerca, incontrerà animali diversi, tra i quali un gufo un po’ rattristato per le sorti del bosco e una saggia tartaruga in esilio, come lei lenta. Saranno loro  a battezzarla e a dare un senso al suo viaggio.

“Nella trasposizione teatrale abbiamo scelto di lavorare su due opposti evidenti: due lumache tanto diverse tra loro, l’una con un modo di parlare, di muoversi, di pensare lento, e, per contro, l’altra veloce, istintiva e abitudinaria al tempo stesso. In uno spazio scenico dove prevalgono colore, forme immaginifiche e oggetti quasi parlanti, i personaggi ci trasportano lungo un percorso di crescita interiore – fanno sapere gli organizzatori – In fondo, giunge per tutti il momento di diventare grandi e di allontanarsi da ciò che si conosce e che rassicura. Perchè l’ignoto è conoscenza e consapevolezza, l’ignoto è la via necessaria per conoscere bene il proprio nome”.

Una storia, questa di Ribelle,  per ricordare a tutti che “la diversità è ricchezza e che va difesa come espressione più gioiosa della vita. La diversità non separa, ma unisce quando si ha la volontà di capirla, fino a diventare il motore di una nuova rinascita”. E ancora che il tempo è prezioso e non sempre è un bene vivere freneticamente: rischiamo di perdere gli appuntamenti importanti e indispensabili che la vita ci riserva. Meglio essere lenti.

Con: Cristina Cartone e Stefania Scartozzi, Scenografia: Massimo Piunti, Grafica  e oggetti di scena: Luca Settepanella, Regia : Ottaviano Taddei

Spettacolo adatto a bambini dai 6 anni in su.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 70 volte, 1 oggi)