SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Uno sguardo a tutto tondo, come sempre: la 24ª rassegna del documentario Premio Libero Bizzarri affronta il tema di quest’anno, ‘Il calcio’, offrendo un’ampia panoramica del fenomeno. Martedì 11 luglio, per esempio, serata dal titolo ‘Quando il calcio fa bene alla mente e al cuore’, dedicata ai calciatori pazienti psichiatrici. Interverranno il comico Gene Gnocchi, lo psichiatra Santo Rullo e il regista Volfango De Biasi, autore di ‘Crazy for football’ (2016, 75 minuti), già vincitore del David di Donatello 2017 come miglior documentario. Gli ospiti saranno introdotti e presentati dal critico cinematografico Andrea Fioravanti.

La pellicola di De Biasi ritrae un gruppo di pazienti provenienti dai dipartimenti di salute mentale di tutta Italia, prima nazionale italiana di calcio a cinque a partecipare ai mondiali per pazienti psichiatrici a Osaka in Giappone, nel febbraio 2016. L’équipe che accompagnava i calciatori era formata dallo stesso dott. Rullo in veste di direttore sportivo: da Enrico Zanchini, ex giocatore di serie A di calcio a cinque, nella veste di allenatore; e da Vincenzo Cantatore, campione del mondo di pugilato, come preparatore atletico.

Al documentario ‘Crazy for football’ verrà assegnato il primo dei riconoscimenti di questa edizione della rassegna sambenedettese: il premio Bizzarri Italia Doc. Nel corso delle successive quattro serate verranno consegnati altrettanti riconoscimenti ad artisti e personalità.

L’appuntamento di martedì, e per tutte le serate della rassegna, è alla Palazzina Azzurra, con inizio alle ore 21,30 e ingresso gratuito.

(Letto 256 volte, 1 oggi)
Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 256 volte, 1 oggi)