CUPRA MARITTIMA – A quasi un anno dagli eventi sismici, il gruppo pentastellato cuprense dichiara di essere stato interpellato da alcuni genitori, al fine di ricevere aggiornamenti circa lo stato di salute dell’edificio scolastico.

“I lavori per l’adeguamento e messa a norma degli impianti elettrici e speciali sono di fatto fermi – affermano i grillini – benché il cartello di cantiere sia ancora attaccato alla cancellata, facendo presumere che siano ancora in corso. Ci viene chiesto pertanto il motivo per cui non si stia apporfittando dell’assenza degli scolari per il completamento. A cosa ha portato l’incarico per la redazione dello studio di fattibilità per l’adeguamento sismico, svolto dal prof. Luigino Dezi dell’Università Politecnico delle Marche?”

“A gennaio 2017 – ricordano i 5 stelle – era stato conferito al prof. Dezi tale incarico per un importo di quasi 50 mila euro, per ipotizzare la realizzazione delle “torri di dissipazione sismica” e garantire quindi la messa in sicurezza della scuola. Il termine per la consegna dello studio era giugno 2017. Che ne è stato? I genitori s’interrogano sul perché di questa incomprensibile inerzia, la quale reitererà, per forza di cose, la problematica a settembre; in più incombe la scadenza del periodo concesso dai Vigili del Fuoco per l’adeguamento degli impianti. L’Amministrazione non lascia trapelare nulla, ma noi le rivolgiamo ugualmente queste domande, sperando dia una risposta ai preoccupati genitori”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 299 volte, 1 oggi)