TERAMO –  “Il momento è incandescente e c’è molto da fare” così il 3 luglio la consigliera delegata alle Pari Opportunità, Federica Vasanella, accogliendo le componenti della nuova Commissione provinciale nominate dal Consiglio e dopo una selezione che ha visto la partecipazione di 31 aspiranti. “Non è stato semplice – ha detto la Vasanella – tutti i curriculum erano di alto profilo: abbiamo preso in considerazione, come da bando, le competenze specifiche, la rappresentanza territoriale e anche il bagaglio professionale e culturale”.

Il decreto di nomina è stato firmato dal presidente Renzo Di Sabatino: “La debolezza e le incertezza della politica hanno ridotto gli spazi di affermazione e di lavoro delle donne, in questo senso potete fare molto – ha dichiarato il Presidente – vi chiedo collaborazione con il Consiglio e con l’amministrazione e un forte impegno per il rilancio della rete istituzionale antiviolenza con il sostegno al centro La Fenice e al rifugio di accoglienza per le donne maltrattate, Casa Maia”.

Dieci le componenti nominate alle quali vanno ad aggiungersi, di diritto, la consigliera delegata Federica Vasanella, la consigliera provinciale, Ambra Foracappa e la Consigliera di parità (in prorogatio) Anna Pompilii: Monica Brandiferri, già presidente della Commissione uscente; Maria Grazia Marinelli; Marilena Andreani; Nadia Ranalli; Tania Bonnici Castelli;  Marina Spatocco; Sabrina Di Furia; Paola Di Felice; Elena Esposito; Lidia Albani.

Nel corso dell’incontro, al quale ha preso parte anche il consigliere Federico Agostinelli, c’è stato un primo confronto sulle questioni prioritarie: fra queste certamente la ricostituzione delle rete antiviolenza con il coinvolgimento di tutti gli attori: dalla Prefettura, alle Forze dell’Ordine, dal Tribunale, alla Asl, fino alle associazioni di volontario che lavorano sui territori: “Senza questa rete istituzionale che vorremmo formalizzare in un tavolo permanente di lavoro – ha sottolineato la Vasanella –  molti sforzi potrebbero risultare vani. chi è vittima di violenza deve sentire la forza delle istituzioni e deve sapere che c’è una collaborazione sinergica in grado di far fronte alle numerose e tristi emergenze”. La Commissione, che dovrà eleggere la Presidente, tornerà a riunirsi il prossimo 20 luglio alle 17.

(Letto 162 volte, 1 oggi)
Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 162 volte, 1 oggi)