LUSSEMBURGO – Un altro grande successo internazionale fa splendere la pallavolo del Piceno. La nazionale femminile islandese, allenata dal sambenedettese Daniele Capriotti, supportato come secondo dal suo concittadino Francesco Napoletano e dalla presenza nello staff federale dell’ascolano Lorenzo Ciancio, ha vinto in Lussemburgo i campionati europei dei piccoli stati, conquistando la medaglia d’oro nell’ultima giornata al termine di una gara combattuta che ha visto la nazionale dei vulcani battere Cipro con un tiratissimo 3-1. Il 2017 è stato quindi un anno meraviglioso per il volley islandese coordinato da Capriotti (che ricopre anche il ruolo di direttore tecnico nel Volley Angels Project) e Napoletano che, grazie a un’attenta e certosina programmazione, hanno portato l’Islanda femminile a risalire quasi sessanta posizioni nel ranking mondiale e a disputare per la prima volta nella propria storia il secondo turno delle qualificazioni ai mondiali Fivb affrontando la Serbia, vice campionesse olimpiche e ricevendo i complimenti dall’allenatore avversario.

Ma il capolavoro è stato compiuto quando, dopo aver sfiorato il podio alle olimpiadi dei piccoli stati disputatesi a San Marino (dove non è bastato battere le padrone di casa con un sofferto e pirotecnico 3-2), hanno vinto i campionati europei dei piccoli stati, conquistando il titolo di campioni della piccola Europa e il visto per disputare il prossimo anno le qualificazioni per gli Europei di livello superiore. In un’intervista a caldo, subito dopo la vittoria, rilasciata in lingua inglese alla testata islandese Blakfrèttir.is Capriotti ha parlato di vittoria del gruppo e dello staff, dando molto peso nel conseguimento dell’affermazione continentale al lavoro dei suoi collaboratori, includendo ovviamente Francesco Napoletano e Lorenzo Ciancio.

(Letto 275 volte, 1 oggi)
Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 275 volte, 1 oggi)