MONTEPRANDONE – Semplicità, qualità e impegno. Basterebbero questi aggettivi per descrivere la prima edizione di “Fermento Marchigiano” a Monteprandone. Anzi no.

C’è da sottolineare il grande lavoro compiuto dagli organizzatori dell’evento, dai commercianti e dai birrifici presenti. Una grande passione con l’obiettivo comune di far gustare prodotti enogastronomici locali nella bellissima cornice del borgo di Monteprandone.

Una passione premiata con successo: infatti la prima edizione di “Fermento Marchigiano” ha richiamato nel centro storico numerosi ragazzi e famiglie. Tre giorni, dal 9 all’11 giugno, in cui le vie del Borgo hanno effettuato il “sold out”.

“Fermento Marchigiano”, parla Anastasia dell’Osteria 1887

Stand dislocati in piazza dell’Aquila, piazza San Giacomo, via Corso e piazza IV Novembre: letteralmente presi d’assalto dai visitatori (fra cui tanti turisti).

Per la parte gastronomica erano presenti l’Osteria 1887, il ristorante San Giacomo, il ristorante Piazza dell’Aquila, la macelleria “Gigi the butcher”, la gelateria “New Malù”, Caffè del Borgo 1974 e La Bottega di Barbara.

I birrifici che hanno preso parte alla rassegna sono stati: 20.13 (San Benedetto), Carnival (Offida), Jester (Petritoli), Del Rio (Caldarola), Opperbacco (Notaresco), Donkey Beer (Atri), 1965 (Osimo), Millecento (Fabriano), Laurus (Recanati), La Castellana (Serra Sant’Abbondio), La Casa di Cura (Crognaleto) e Bibibir (Castellalto).

Nel corso della rassegna enogastronomica c’è stata la possibilità di assistere ai laboratori di degustazione, presso il Palazzo Parissi, sotto la guida di Luca Di Saverio (giudice al concorso Birra dell’anno): i presenti hanno potuto gustare quattro assaggi di birra e altrettanti di cibo.

“Fermento Marchigiano”, parla Francesco del ristorante San Giacomo

Inoltre in via Roma era presente il mercatino Campagna Amica a cura della Coldiretti Ascoli Fermo, in piazza Castello e in via Corso il mercatino artigianale/artistico a cura dell’associazione Mani Arte e a Palazzo Parissi il “Beer Shop” con le birre dell’associazione di Produttori di Birra della Regione Marche “Marche di Birra”.

Al centro storico, nei tre giorni della rassegna, c’è stato spazio anche per gli artisti di strada e gruppi musicali che hanno allietato i visitatori a ritmo di folk, reggae, jazz e rock’n’roll. Nell’ultimo giorno era presente anche Federico Palmaroli, 42enne romano impiegato della Camera di Commercio, fondatore della nota pagina satirica Facebook “Le più belle frasi di Osho” che tornerà ad agosto a Monteprandone in occasione di Pink Rabbits Hole Fest 2017.

“Fermento Marchigiano” ha soddisfatto tutti: visitatori, organizzatori, birrifici, ristoratori e amministrazione comunale. Un successo auspicato che ha comunque piacevolmente sorpreso e, come detto prima, premiato il grande sforzo e sacrificio di coloro che hanno contribuito alla rassegna.

“Fermento Marchigiano”, parla Rebecca del ristorante Piazza dell’Aquila

Tre giorni all’insegna di birre di qualità, buon cibo, allegria, divertimento e svago. Una vetrina turistica importante per Monteprandone e per la provincia di Ascoli dopo gli eventi sismici del 2016.

Alla fine della rassegna il verdetto è unanime: si pensa già alla realizzazione della seconda edizione nell’estate 2018.

(Letto 711 volte, 1 oggi)
Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 711 volte, 1 oggi)