ANCONA – È stato firmato il 31 maggio, nella Sala Ambiente della Regione Marche, il rinnovo del protocollo di intesa tra Regione Marche e Legambiente per l’adesione al “Premio Nazionale Un Libro per l’Ambiente”, il concorso di editoria ambientale promosso da Legambiente e La Nuova Ecologia e realizzato grazie al contributo e alla collaborazione di numerosi enti pubblici come Regione Marche, Comune di Ancona, Ente Regionale Parco del Conero, Polo Museale dell’Università di Camerino, Associazione Bibliotecari Italiana-Sezione Marche, Comune di Pedaso, Comune di Agugliano, Comune di Sant’Elpidio a Mare, Comune di Santa Maria Nuova, CEA di Pesaro Casa delle Vigne, Biblioteca Comunale di Falconara Marittima.

Attraverso il protocollo di intesa, firmato nel corso della conferenza anche da Fabia Buglioni, vicepresidente dell’Ente Parco del Conero, gli enti che hanno effettuato la sottoscrizione si sono impegnati a sostenere le attività e le iniziative previste nel progetto e a lavorare insieme per portare avanti i principi e gli obiettivi promossi in questi anni dall’iniziativa.

Nel corso della conferenza è stato assegnato il premio per la migliore coerenza grafica-testo 2017 a “Il Museo Immaginario” di G. Tessaro, Carthusia Edizioni, il libro scelto dalla giuria di esperti tra i 40 finalisti che è stato ritirato da Ilaria Maurri, referente dell’Ufficio stampa della casa editrice. In mattinata è stato anche presentato l’evento finale del premio, che si terrà il 7 giugno a Sirolo in collaborazione con l’Ente Regionale Parco del Conero.

Durante la festa, che rientra nelle celebrazioni del trentennale del Parco, oltre 200 bambini di tutta la regione, in rappresentanza della giuria nazionale di oltre 2000 ragazzi, passeranno una mattinata in compagnia degli autori dei testi finalisti che hanno letto e valutato durante l’anno scolastico, in attesa di svelare i due libri vincitori.

A seguire, i giovani studenti effettueranno una passeggiata storico naturalistica alla scoperta di Numana e delle meraviglie nascoste del parco del Conero.

“L’intesa firmata con Legambiente – commenta l’assessore all’Ambiente della Regione Marche, Angelo Sciapichetti – sistematizza una collaborazione per un progetto che ha per protagonisti i ragazzi delle scuole e le tematiche ambientali. L’intento è doppiamente meritevole: si promuove la cultura della lettura e la riflessione sulla sostenibilità ambientale. Il nostro territorio così bello e così fragile ha bisogno della consapevolezza degli adulti di oggi e di domani di quanto sia importante la prevenzione e la conservazione dell’ecosistema”.

“Il Premio “Un Libro per l’Ambiente” è divenuto uno dei concorsi letterari tra più significativi del panorama nazionale, atteso sia dalle scuole che dalle case editrici – ha dichiarato Francesca Pulcini, presidente di Legambiente Marche – Avvicinare i ragazzi alla lettura di temi ambientali rappresenta, infatti, il primo passo per infondere in loro i principi del rispetto dell’ambiente e per renderli protagonisti di un percorso di cittadinanza attiva.”

Nato nel 1998, il Premio Un Libro per l’Ambiente è rivolto ad autori ed editori, enti pubblici e privati, centri di educazione ambientale, aziende, imprese, associazioni e scuole che abbiano editato a stampa nel triennio 2014-2016 opere classificabili in almeno una delle seguenti aree tematiche: Ambiente e Spazi di vita, Salute e Alimentazione, Educazione alla Pace, all’Intercultura e alla Legalità, Arte e Territorialità.

Il premio si struttura in due sezioni: narrativa e divulgazione scientifica e i vincitori ogni anno sono scelti da una giuria di lettori. Da quest’anno il Premio Nazionale Un Libro per l’Ambiente è stato inserito tra le attività del Progetto OPM Chiesa Valdese “Tutti figli della stessa Terra- Speciale Hotel House”, con la consegna dei Kit lettura ai piccoli cittadini del complesso residenziale multietnico di Porto Recanati, come mezzo di integrazione e multiculturalità.

Le scuole che hanno aderito alla XIX edizione del Premio Nazionale Un Libro per l’Ambiente sono: la scuola primaria Faiani dell’Istituto Comprensivo Cittadella-Margherita Hack; le scuole secondarie di primo grado Volta e Fermi dell’Istituto Comprensivo Ancona Nord; le scuole secondarie di primo grado Pascoli e Leopardi dell’Istituto Comprensivo Novelli-Natalucci; la scuola secondaria di primo grado Buonarroti dell’Istituto Comprensivo Quartieri Nuovi; la scuola primaria Pietralacroce dell’Istituto Comprensivo Augusto Scocchera; la scuola primaria Rodari dell’Istituto Comprensivo Giovanni Paolo II; la scuola primaria Don Milani dell’Istituto Comprensivo Vincenzo Pagani; la scuola primaria e secondaria di primo grado Andrea Bacci dell’Istituto Comprensivo Sant’Elpidio a Mare; la scuola primaria Giansanti dell’Istituto Comprensivo Gaudiano; la scuola primaria Gramsci-Matteotti e la scuola secondaria di primo grado dell’Istituto Comprensivo Medi; la scuola primaria De Amicis dell’Istituto Comprensivo Urbani; la scuola primaria IV Novembre dell’Istituto Comprensivo Matteo Ricci; la scuola primaria Betti e Salvo D’Acquisto dell’Istituto Comprensivo U.Betti; la scuola secondaria di primo grado di Pieve Torina dell’Istituto Comprensivo Monsignor Paoletti.

Sono intervenuti: Francesca Pulcini, presidente Legambiente Marche; Marcella Cuomo, coordinatrice del progetto nelle Marche e Ilaria Maurri, ufficio stampa casa editrice Carthusia

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 92 volte, 1 oggi)