ANCONA – “Sono finora una decina nelle Marche i casi di Blue Whale, il gioco sul web che attraverso una serie di prove può spingere le giovani vittime fino al suicidio, tutti nella provincia di Ancona”.

Lo ha rivelato incontrando i giornalisti il procuratore dei minori Giovanna Lebboroni il 30 maggio, che ha competenza sull’intera regione.

”Per fortuna – le parole riportate dall’Ansa del procuratore – le segnalazioni riguardano uno stadio di coinvolgimento iniziale o intermedio. Ma il gioco è molto pericoloso, e può attrarre, anche dietro minacce, i più fragili fra gli adolescenti”.

Di qui la scelta di ‘strutturare un coordinamento stretto fra uffici giudiziari del Distretto e forze di polizia, in primo luogo la Polizia postale”: si cerca di garantire un’attività di prevenzione e un intervento tempestivo laddove necessario

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 674 volte, 1 oggi)