SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Come un fulmine a ciel sereno Stefano Sanderra ha dato le dimissioni da allenatore della Samb, senza aspettare le decisioni della società che era intenzionata a dargli fiducia dopo il bel finale di campionato. “Ci stavamo pensando –ha detto il presidente Fedeli -visto che aveva inquadrato bene la squadra dopo un primo periodo abbastanza insufficiente. Mi ha chiamato per dirmi che deve lasciare per problemi famigliari “.

E adesso? 

“Di allenatori preparati ce ne sono tanti e a questo punto credo che mio figlio riprenderà i contatti con il procuratore di Giuseppe Magi che ha fatto bene a Gubbio negli ultimi due anni. Alla Samb, però, oltre che un allenatore bravo serve una persona che conosca le pressioni dell’ambiente in cui arriva e non si faccia trovare impreparato. Per esempio credo che Sanderra non abbia resistito a certe critiche che lo hanno portato a fare una scelta di vita diversa. Non abbiamo fretta e se durante le trattative escono fuori nomi più quotati tutto è possibile”.

Magi potrebbe portarsi dietro qualche buon calciatore, per esempio Ferretti che è di Roseto, cittadina a 30 chilometri da San Benedetto… 

“Non posso prendere, come si suol dire, la “vacca con i vitelli…” ma lo ritengo un giocatore interessante come Frediani dell’Ancona; se non sbaglio hanno lo stesso ruolo. Ci proveremo. Ci stiamo impegnando anche per trattenere Bacinovic che ritengo con Vallocchia un perno importante per il prossimo campionato. Senza svenarmi però. Se non altro un po’ di riconoscenza per averlo rilanciato dovrebbe averla. Per come lo conosco credo che ne terrà conto”.

È vero che molti tecnici si stanno proponendo per allenare la Samb? 

“E vero sì, la piazza è molto importante e averne rilanciato il nome negli ultimi due campionati la rende ancora più appetitosa. Valuteremo attentamente perché il nostro traguardo è quello di fare meglio di anno in anno, pur con la consapevolezza che le avversarie di rango ci sono e non staranno a guardare”.

Dopo il vostro arrivo si può dire che anche la Sambenedettese è ora ritenuta squadra di rango con ben 21 campionati cadetti alle spalle, dei quali pare che il mondo del calcio si era dimenticato… 

“La ringrazio e riportarla a quei livelli sarà per noi motivo di grandissima soddisfazione”.

Del resto, Venezia a parte, meglio di noi quest’anno, nel nostro girone, hanno fatto soltanto tre squadre: Parma, Pordenone e Reggiana, società partite con i favori del pronostico… 

“Tutto è possibile visto che il nostro ‘fidanzamento’ con la città di San Benedetto e con tutta la Riviera Picena potrebbe concretizzarsi in un bel ‘matrimonio’  tenendo presente però che a me e alla mia famiglia non piace stare in paradiso a dispetto dei Santi”.

Complimenti presidente e buon lavoro.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 2.658 volte, 1 oggi)