VAL VIBRATA – I carabinieri della compagnia di Alba Adriatica, nell’ambito di un’attività di controllo del territorio in Val Vibrata, disposta dal maggiore Emanuele Mazzotta, hanno eseguito due ordinanze di carcerazione, rispettivamente emesse dal tribunale di Ancona e da quello di Ascoli Piceno.
Nello specifico, i carabinieri del comando di Corropoli hanno rintracciato e tratto in arresto una donna, T. G., 64enne, residente a Controguerra poiché riconosciuta colpevole dei reati di lesioni personali e minacce, commessi a Controguerra nel settembre del 2012. La donna dovrà ora scontare la pena detentiva di 5 mesi di reclusione in regime di detenzione domiciliare.

A Martinsicuro, invece, i carabinieri della locale stazione, nel corso di mirati servizi di osservazione, controllo e pedinamento, hanno identificato e tratto in arresto il cittadino albanese K. L., 36enne, residente in città. L’uomo dovrà espiare una pena detentiva residua di 3 anni e 11 mesi di reclusione. Si tratta di un cumulo di condanne per reati, commessi nel 2009 nell’Ascolano, che vanno dal furto in abitazione alla rapina.  Dopo le formalità di rito, l’albanese è stato tradotto presso la casa circondariale di Teramo.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 267 volte, 1 oggi)