LISBONA – Questo week-end la World Sporting Academy è stata impegnata in un Torneo internazionale di ginnastica artistica maschile e femminile in Portogallo, ossia l’ottava edizione del GymSport, svoltasi a Lisbona sabato 20 e domenica 21 maggio.

La delegazione formata dai tecnici Elena Konyukhova e Jean Carlo Mattoni e dalle ginnaste Jessica Hélène Mattoni e Valentina Giommarini (assente Joelle Elisabeth Mattoni, alle prese con i postumi per una puntura da insetto) ha fatto prima tappa in Spagna, dato che ha gareggiato insieme alla squadra spagnola con cui è gemellata, il Club Gimnàstic Osona ed è partita giovedì mattina dall’aeroporto di Pescara con arrivo a Girona intorno alle ore 11, dove c’erano ad aspettarla Anna Vegara, responsabile del Club Gimnàstic Osona, accompagnata dall’allenatrice Cristina Saus Torras.

Nel frattempo, oltre ad essere stati accolta nell’impianto sportivo dalle autorità cittadine nella persona del responsabile dell’Istituto Municipale dello Sport, dr. Miguel Durant Riera, dallo stesso la società sambenedettese è stata invitata a visitare la sede municipale di Vic, antico e storico palazzo, facendola accedere addirittura sulla balconata che dà sulla piazza, privilegio questo concesso veramente a pochi.

La delegazione italo-spagnola al completo ha raggiunto Lisbona venerdì e si è subito recata presso il Centro di Alto Rendimento di Sangalhos (uno dei diversi Centro di Preparazione Olimpica portoghesi), dove oltre a risiedere avrebbe disputato la gara.

La prima squadra del Club di Vic era composta da due ginnaste sambenedettesi ed una giovanissima spagnola, Iris Cardénas, mentre la seconda squadra era composta tutta da ginnaste spagnole accompagnate dai due loro tecnici e specificatamente da Cristina Saus Torras (Club Gimnàstic Osona) e da Sheila Ruiz (Club Agav Vilassar de Mar).

Sabato sono iniziati i due lunghi giorni di gare, nei quali è stata in gioco sia la classifica a squadre che la qualificazione per le finali ad attrezzo e il compito non era semplice, poiché, oltre alle ginnaste della federazione catalana erano presenti quelle della nazionale portoghese, francese, ungherese ed inglese.

Alle nove già in campo gara e previo riscaldamento generale è cominciata per la prima squadra la gara con partenza al volteggio discretamente eseguito. La fase successiva alle parallele asimmetriche ha visto una caduta di Valentina Giommarini all’uscita con il doppio carpio. Alla trave, a parte qualche sbilanciamento, tutto è andato abbastanza bene, ma è stato necessario attendere il corpo libero per confermare il trend di prestazione.

Il pomeriggio è trascorsocon la seconda squadra costituita da Paula Norberto (ginnasta che si allena presso il Centro di alto Rendimento della Federazione Catalana), Clàudia Salat e Adriana Laguna (prestito del Club Agav Vilassar de Mar), impegnata fino alla lettura delle classifiche di squadra, che ha visto la formazione italo-spagnola quarta classificata (ai primi tre posti solo due delle formazioni nazionali presenti, ossia Francia con oro e argento e Portogallo con il bronzo) e prima fra i club con Jessica Hélène Mattoni che si è aggiudicata l’argento nel concorso generale e due finali agli attrezzi (parallele asimmetriche e trave) e la Giommarini settima classificata, guadagnandosi la finale al corpo libero fra le big presenti.

Il giorno dopo finali agli attrezzi: Jessica Hélène Mattoni si è classificata terza alle parallele asimmetriche e quarta alla trave, complice una caduta; grande risultato di Valentina Giommarini, che ha conquistato il gradino più alto del podio nel corpo libero.

Le parole di Jean-Carlo Mattoni: “Siamo lieti per quanto vissuto e soprattutto per le amicizie consolidate fra le quali vogliamo ricordare Anna Vegara del Club Gimnàstic Osona (Vic – Spagna), Sylvie Guesdon dell’Avangard Le Mans (Le Mans – Francia) e da ultimo Javier Jimeno Gomez e Mireia Pont Segura del Centro di Alto Rendimento della Federazione Catalana a Barcellona”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 388 volte, 1 oggi)