LEGA PRO

Programma 2a Fase (Ottavi di finale; domenica 21 maggio l’andata e mercoledì 24 maggio il ritorno) dei Play Off di Lega Pro:
Gara 1 ore 18,30: Casertana (9a nel Girone C) -Alessandria (2a classificata nel Girone A)
Gara 2 ore 20,30: Piacenza (6° classificato nel Girone A)-Parma (2° classificato nel Girone B) che verrà trasmessa in diretta in chiaro su Rai Sport.
Gara 3 ore 18,30: SAMB (7a nel Girone B) -Lecce (2° classificato nel Girone C) sarà diretta da: Luigi Pillitteri di Palermo, coadiuvato dagli assistenti: Alberto D’Alberto di Teramo e Luca Solazzi di Avezzano (L’Aquila) ed il quarto uomo: Manuel Volpi di Arezzo.
Gara 4 ore 20,30: Cosenza (7° nel Girone C)-Matera (3° nel Girone C ma soprattutto finalista della Coppa Italia di Lega Pro)
Gara 5 ore 17,30: Virtus Francavilla (5a classificata nel Girone C)-Livorno (3° classificato nel Girone A)
Gara 6 anticipata a sabato 20 maggio alle ore 18,30: Giana Erminio (5a classificata nel Girone A)-Pordenone (3° classificato nel Girone B)
Gara 7 anticipata a sabato 20 maggio alle ore 20,30: Reggiana (5a classificata nel Girone B)-Juve Stabia (4a classificata nel Girone C)
Gara 8 ore 18: Lucchese (9a nel Girone A con 51 punti)- Albinoleffe (9a nel Girone B con 52 punti)

Naturalmente le gare di ritorno si giocheranno a campi invertiti (Alessandria-Casertana in diretta in chiaro su Rai Sport, Parma-Piacenza, Lecce-Samb, Matera-Cosenza, Livorno-Virtus Francavilla, Pordenone-Giana Erminio, Juve Stabia-Reggiana ed Albinoleffe-Lucchese, tutte alle ore 20,30).

A conclusione delle 8 gare doppie (andata e ritorno), risulteranno vincitrici le squadre che avranno ottenuto il miglior punteggio. In caso di parità di punteggio, dopo la gara di ritorno, risulterà vincente la squadra meglio classificata al termine della regular season. Le 8 squadre vincitrici accederanno poi alla Final eight.

L’ultima volta che Samb e Lecce si sono affrontate in Campionato risale alla stagione 1987/88 in Serie B. All’andata (2a giornata di domenica 20 settembre 1987) al Riviera delle Palme finì 1-0 (37’Galassi) per la Samb allora guidata da Angelo Domenghini ed il ritorno (21a giornata di domenica 14 febbraio 1988) allo stadio Via Del Mare terminò invece sullo 0-0.
A fine torneo la Samb ottenne la salvezza (l’ultima per ora in Serie B) chiudendo 14a a pari punti (32) con Genoa e Taranto.
Mentre il Lecce allora guidato da Carlo Mazzone chiuse 2° con 49 punti e fu promosso in Serie A.
In generale nelle gare ufficiali Sambenedettese e Lecce si sono affrontate 33 volte e lo score dice: 11 successi per i rivieraschi-piceni, 10 vittorie per i salentini e 12 pareggi. Il bilancio delle gare giocate a San Benedetto del Tronto è il seguente: 9 vittorie rossoblu, 2 successi per i giallo-rossi e 6 pareggi. Mentre lo score dei match giocati a Lecce è di: 8 successi per la squadra giallo-rossa, 2 per quella rosso-blu e 6 pareggi.

Ecco I 33 precedenti (32 in campionato tra C e B ed 1 in Coppa Italia) tra SAMB e Lecce:
1952/53: Serie C (Girone unico) 8a giornata Lecce-Samb 2-0 (36’Bislenghi su rigore, 91’Stabellini)
1952/53: Serie C (Girone unico) 25a Samb-Lecce 2-0 (70’Luigi Traini, 87’Etro Ferretti)
1953/54: Serie C (Girone unico) 11a Samb-Lecce 1-1 (82’Bislenghi [L], 85’Bronzoni [S])
1953/54: Serie C (Girone unico) 28a Lecce-Samb 4-0 (29’e 60′ Bislenghi, 69’autorete di Elio Rossi, 84’Bislenghi)
1954/55: Serie C (Girone unico) 7a Samb-Lecce 2-1 (Doppietta di Di Fraia, Lenci [L])
1954/55: Serie C (Girone unico) 24a Lecce-Samb 0-1 (Di Fraia)
1963/64: Serie C (Girone C) 8a Lecce-Samb 1-0 (18’Frontali)
1963/64: Serie C (Girone C) 25a Samb-Lecce 4-0 (26’Pucci, 62′ e 78’Rinaldo Olivieri, 85’Nicchi)
1964/65: Serie C (Girone C) 16a Samb-Lecce 2-0 (7’Bruno Piccioni, 26’Jannarelli)
1964/65: Serie C (Girone C) 33a Lecce-Samb 1-2 (36’Donadei [L], 40’Capasciutti, 86’Birtig).
1965/66: Serie C (Girone C) 11a Lecce-Samb 1-0 (54’Trevisan)
1965/66: Serie C (Girone C) 28a Samb-Lecce 1-1 (40’Frigeri [S] su rigore, 77’Mario Russo [L] su rigore)
1976/77: Serie B 19a Lecce-Samb 1-0 (21’Loddi)
1976/77: Serie B 38a Samb-Lecce 4-1 (18’Francesco Chimenti su rigore, 59’Montenegro [L], 71′ ed 86’Francesco Chimenti, 88’Berta)
1977/78: Serie B 5a Samb-Lecce 2-0 (11’Nicola Traini, 71’Francesco Chimenti)
1977/78 Serie B 24a Lecce-Samb 2-1 (55’Guidolin [S], 72’Montenegro su rigore, 82’Montenegro)
1978/79: Serie B 2a Samb-Lecce 0-0
1978/79: Serie B 21a Lecce-Samb 2-0 (19’Paolo Piras, 56’Carlo Sartori)
1979/80: Serie B 13a Samb-Lecce 1-0 (87’Romiti)
1979/80: Serie B 32a Lecce -Samb 1-1 (52’Sergio Taddei [S], 60’Biagetti [L])
1981/82: Serie B 17a Lecce-Samb 0-0
1981/82: Serie B 36a Samb-Lecce 1-1 (55’Cinquetti [L] su rigore, 81’Rossinelli [S])
1981/82: Coppa Italia 1°turno, 4a giornata di sola andata del Girone (a cinque squadre) 4 Samb-Lecce 1-1 (24’Franco Caccia [S], 74’Lorenzo Ferrante [L] su rigore)
1982/83: Serie B 5a Lecce-Samb 1-1 (20’Rossinelli [S], 43’Orlandi [L])
1982/83: Serie B 24a Samb-Lecce 0-0
1983/84: Serie B 10a Lecce-Samb 0-0
1983/84: Serie B 29a Samb-Lecce 1-2 (38’Fiorini [S] su rigore, 56’Orlandi, 76’autorete di Attrice)
1984/85: Serie B 1a Samb-Lecce 1-3 (10’Alberto Di Chiara, 40’Cipriani, 56’Borgonovo [S], 88’Enzo)
1984/85: Serie B 20a Lecce-Samb 1-0 (87’Miceli)
1986/87: Serie B 9a Lecce-Samb 1-1 (45’Pasculli [L] su rigore, 64’Selvaggi [S])
1986/87: Serie B 28a Samb-Lecce 2-1 (7’Danilo Ferrari, 45’autorete di Petrangeli su conclusione di Paciocco [L], 77’Turrini)
1987/88: Serie B 2a Samb-Lecce 1-0 (37’Galassi)
1987/88: Serie B 21a Lecce-Samb 0-0

In neretto gli 11 successi (9 in casa e 2 in trasferta) della Samb.

STATISTICHE REGULAR SEASON SAMB:
Serie Positiva conclusiva: 2 successi consecutivi (1 in casa ed 1 fuori)
Vittorie: 15 (1-2 a Macerata alla 2a giornata, 1-3 a Gubbio alla 4a, 1-0 interno col Fanno alla 5a, 0-1 a Forlì alla 6a, 2-0 interno col Padova nel recupero della 1a giornata, 1-0 interno col Feralpisalò all’11a, altro 2-0 interno , stavolta col Teramo alla 13a, 0-1 a Lumezzane [Brescia] alla 14a, 2-0 interno col Gubbio alla 23a, 1-2 a Fano alla 24a, 2-5 a Bolzano, sul campo del Sudtirol Alto Adige alla 28a, 1-0 interno col Bassano alla 29a, 2-0 interno con la Reggiana alla 31a, 1-2 ad Ancona alla 37a e 2-1 interno col Pordenone alla 38a ed ultima giornata)
Pareggi: 11 (2-2 interno col Parma alla 7a giornata, altro 2-2, stavolta esterno, a Venezia all’8a, ancora un 2-2, interno, stavolta col Sudtirol Alto Adige alla 9a, 1-1 sempre interno, stavolta con l’Albinoleffe alla 15a, altro 1-1 interno , stavolta col Modena alla 16a, 0-0 a Santarcangelo di Romagna [Rimini] alla 17a, 1-1 a Pordenone alla 19a, altro 1-1 esterno, stavolta a Mantova alla 22a, ancora un 1-1 esterno, stavolta sul campo del Feralpisalò alla 30a, altro 1-1, stavolta interno col Lumezzane alla 33a e 0-0 a Bergamo, sul campo dell’Albinoleffe alla 34a)
Sconfitte: 12 (1-3 interno col Mantova alla 3a giornata, 4-3 a Bassano del Grappa [Vicenza] alla 10a, 2-0 a Reggio Emilia sul campo della Reggiana alla 12a, 0-1 interno con l’Ancona alla 18a, 1-0 a Padova alla 20a, 0-1 interno con la Maceratese alla 21a, 1-2 interno col Forlì alla 25a, 4-2 a Parma alla 26a, 1-3 interno col Venezia alla 27a, 2-1 a Teramo alla 32a, altro 2-1 esterno, stavolta a Modena alla 35a e 2-3 interno col Santarcangelo alla 36a)
Gol fatti: 53 (25 in casa e 28 in trasferta; 12 su rigore) con 14 diversi marcatori: il nigeriano Agodirin (2), lo sloveno Bacinovic (2), Berardocco (2 su rigore; poi passato al Padova), Bernardo (2), Damonte (1), Di Massimo (4 di cui 2 su rigore), Giordano Fioretti (1 su rigore; poi passato all’Alma Juventus Fano), Lulli (2), Mancuso (22 di cui 7 su rigore), Alessandro Radi (1), Alessandro Sabatino (2), Lorenzo Sorrentino (6), Tortolano (2; poi passato alla Viterbese Castrense nel mercato di gennaio) e Vallocchia (2). Alle reti dei 14 diversi marcatori rossoblu vanno aggiunte le autoreti di Bonomo (Lumezzane) alla 14a giornata e Paolo Marchi (Pordenone) alla 38a ed ultima giornata.
Gol subiti: 47 (21 in casa e 26 in trasferta).
Differenza reti: +6 (53-47)
Capocannoniere: Leonardo Mancuso con 22 reti (di cui 7 su rigore) all’attivo.
Punti interni: 29 (su 19 gare interne), frutto di 8 successi, 5 pareggi e 6 ko interni.
Punti esterni: 27 (su 19 gare in trasferta), frutto di 7 successi, 6 pareggi e 6 ko esterni.
Espulsioni (di giocatori): 8 (2 per Lulli [entrambe per doppia ammonizione alla 2a ed alla 7a giornata] ed Alessandro Sabatino [per doppia ammonizione alla 30a giornata e per un colpo proibito ad un avversario alla 36a] ed una a testa per Alessandro Radi [per una presunta gomitata a Calaiò alla 7a giornata], Di Filippo [per doppia ammonizione alla 10a giornata] e Pegorin [dopo il triplice fischio finale per reciproche scorrettezze con Malomo del Venezia alla 27a giornata])
Ammonizioni: 108.
Media inglese: -20.
Nella Coppa Italia di Lega Pro la squadra rossoblu è stata subito eliminata, nonostante abbia chiuso il Girone Triangolare E a pari punti (3) con Viterbese Castrense (giudicata prima e qualificata alla Fase finale per la miglior differenza reti) e Gubbio. 3 punti in 2 partite, frutto di un successo interno: 2-1 (65′ Varutti [V.C.] 81’Di Filippo, 86’Pezzotti. Al 79′ Giordano Fioretti della Samb ha fallito un rigore, parato dall’estremo ospite Iannarilli. Espulsi: al 78’Mallus della Viterbese per doppia ammonizione ed all’89’il tecnico della Samb Palladini per comportamento ritenuto offensivo nei confronti del direttore di gara) con la Viterbese Castrense ed un ko esterno: 2-1 (50′ Giacomarro, 66’Ferri Marini, 90’Mancuso [S]) a Gubbio.

Statistiche Regular Season LECCE (Prossimo avversario della Samb nella 2a Fase in gara doppia dei Play Off) :
Serie Positiva conclusiva: 2 risultati utili consecutivi (entrambi pareggi per 1-1: 1 in casa ed 1 fuori)
Vittorie: 21 (1-2 a Monopoli alla 1a Giornata, 4-1 interno con l’Akragas alla 2a, 1-3 a Melfi alla 3a, 3-0 interno col Catanzaro alla 4a, 0-2 a Siracusa alla 6a, 1-0 interno con la Reggina alla 7a, 3-0 interno con la Virtus Francavilla alla 9a, 2-3 sul campo della Juve Stabia alla 14a, 0-1 a Taranto alla 15a, 0-3 a Messina alla 17a, 3-1 interno con la Paganese alla 18a, 0-2 ad Agrigento, sul campo dell’Akragas alla 21a, 3-1 interno col Melfi alla 22a, 1-2 a Catanzaro alla 23a, 2-1 interno con il Siracusa alla 25a, 1-2 a Reggio Calabria alla 26a, 2-1 interno con la Vibonese alla 27a, 1-0 interno col Catania alla 29a, 2-0 interno col Fondi alla 31a, 3-2 interno con la Juve Stabia alla 33a e 3-0 interno col Taranto alla 34a)
Pareggi: 11 (0-0 interno con la Casertana alla 5a Giornata, 2-2 sul campo della Vibonese all’8a, 0-0 interno col Foggia all’11a, 2-2 sul campo del Fondi alla 12a, 1-1 interno col Cosenza alla 13a, 0-0 ad Andria alla 19a, 3-3 interno col Monopoli alla 20a, 0-0 a Cosenza alla 32a, 1-1 a Matera alla 35a, altro 1-1 esterno, stavolta sul campo della Paganese alla 37a ed ancora un 1-1, stavolta interno con la Fidelis Andria alla 38a ed ultima giornata)
Sconfitte: 6 (2-0 a Catania alla 10a Giornata, 0-3 interno col Matera alla 16a, 1-0 a Caserta alla 24a, 2-1 sul campo della Virtus Francavilla alla 28a, 3-0 a Foggia alla 30a e 0-1 interno col Messina alla 36a)
Gol fatti: 62 (35 in casa e 27 in trasferta; 6 su rigore) con 11 diversi marcatori: Caturano (17 di cui 3 su rigore), il centrocampista portoghese Costa Ferreira (2), l’attaccante franco-maliano Abdou Doumbia (5), Lepore (6 di cui 1 su rigore), Giuseppe Maimone (1), Marco Mancosu (6), Michele Marconi (3), Pacilli (6 di cui 1 su rigore), Persano (1; poi passato al Siracusa nel mercato di gennaio), Torromino (10 di cui 1 su rigore) ed il centrocampista bulgaro Tsonev (4). Alle reti degli 11 diversi marcatori giallo-rossi va aggiunta l’autorete di Malerba (Siracusa) alla 25a giornata.
Gol subiti: 36 (16 in casa e 20 fuori).
Differenza reti: -26 (62-36)
Capocannoniere: Salvatore Caturano con 17 reti (di cui 3 su rigore).
Punti interni: 41 (su 19 gare casalinghe), frutto di 12 successi, 5 pareggi e 2 ko interni.
Punti esterni: 33 (su 19 gare esterne), frutto di 9 successi, 6 pareggi e 4 ko esterni.
Media inglese: -2.
Il Lecce è una squadra dell’omonimo comune pugliese.
La scorsa stagione è giunto 3° con 63 punti nel Grone C di Lega Pro perdendo poi la doppia semifinale Play Off (nel turno preliminare in gara unica aveva battuto per 3-0 ed eliminato il Bassano Virtus) contro il Foggia (giunto 2°) che vinse sia la gara d’andata (2-3 a Lecce) che quella di ritorno (2-1 allo Zaccheria).
Nella sua storia ha partecipato a 15 campionati di Serie A (il primo nella stagione 1985/86 e l’ultimo in quella 2011/12 al termine della quale retrocesso sul campo in quanto 18°, non finì in Serie B ma addirittura in Prima Divisione Lega Pro per illecito legato alla vicenda calcio scommesse. E da allora è sempre rimasto in 3a divisione senza mai per ora risalire) e Serie B (il primo nella stagione 1929/30 e l’ultimo in quella 2009/10).
E’ stato promosso per ben 8 volte (2° in Serie B nelle stagioni 1984/85 e 1987/88, 4° in Serie B nella stagione 1992/93, 3° in Serie B nelle stagioni 1996/97, 1998/99, 2002/03 e 2007/08 e 1° in Serie B nella stagione 2009/10) in Serie A.
Il suo miglior risultato in Serie A è il 9° posto della stagione 1988/89 con Carlo Mazzone in panchina.
E’ per ora la squadra che ha partecipasto a più campionati di 3a Serie: ben 40 (tra Serie C, Lega Pro, 1a Divisione, Serie C1 ecc.).
Nel suo Palmares ci sono: oltre a un Campionato Meridionale di Prima Divisione (era una sorta di Serie C suddivisa geograficamente in Gironi che vincendolo dava la promozione in Serie B; vinto nella stagione 1928/29), 2 Campionati di Serie C (nelle stagioni 1945/46 [ Girone E] e 1975/76 [Girone C]), una Coppa Italia di Serie C (vinta nella stagione 1975/76), un Campionato di Serie C1 (Girone B vinto nella stagione 1995/96), c’è soprattutto: un Campionato di Serie B (vinto nella stagione 2009/10).
A livello giovanile ha vinto 2 volte il Campionato Primavera (2002/03 e 2003/04), la Coppa Italia Primavera (2001/02 e 2004/05) e la Supercoppa Primavera (2004 e 2005).
La formazione di Roberto Rizzo (che ha rilevato alla 37a giornata l’esonerato Pasquale Padalino) ha chiuso il Girone C di Lega Pro al 2° posto e dunque direttamente qualificato per la 2a Fase (o ottavi di finale che dir si voglia) dei Play Off (dove affronterà in gara doppia la Samb, giunta 7a nel Girone B) con 74 punti (a -11 dal Foggia vincitore del campionato) in 38 partite.
Nella Coppa Italia di Lega Pro la squadra giallo-rossa è entrata in gioco nel 1° turno in gara unica della fase finale battendo (4-5 ai rigori dopo l’1-1 dei tempi supplementari) ed eliminando la Virtus Francavilla sul suo campo. Ma poi nel 2° turno eliminatorio sempre in gara unica è stata eliminata perdendo 2-1 sul campo del Matera.
Nella Coppa Italia Tim invece la formazione salentina dopo aver superato il 1° ed il 2° turno eliminando rispettivamente Altovicentino (2-1 interno) ed Ascoli (6-7 ai rigori dopo il 2-2 dei tempi supplementari al Del Duca) è stata poi eliminata al 3° turno in gara unica perdendo 3-2 sul campo del Genoa.

Riepilogo Risultati 1a Fase in gara unica Play Off Lega Pro di domenica 14 maggio:

Girone A: L’Alessandria (2a) ha riposato nella 1a Fase in cui si sono giocate 4 partite in gara unica in casa delle meglio classificate al termine della Regular Season:
Livorno (3°)-Renate (10°) 2-1 (12’Maritato, 29’Napoli [R], 36’Borghese), Arezzo (4°)-Lucchese (9a) [gara giocata sabato 13 maggio] 1-2 (9’Moscardelli [A], 48’Bruccini, 61’Luca Cecchini), Giana Erminio (5°)– Viterbese Castrense (8a) 2-2 (1’Jefferson [V.C.], 2′ Augello [G.E.], 55’Chiarello [G.E.], 56’Dierna [V.C.]) e Piacenza (6°)– Como (7°) 2-1 (22’Sciacca, 38’Chinellato [C], 95’Franchi).

Girone B : Il Parma (2°) ha riposato nella 1a Fase in cui si sono giocate 4 partite in gara unica in casa delle meglio classificate al termine della Regular Season:
Pordenone (3°)-Bassano Virtus (10°) 2-0 (19′ e 59’Stefani), Padova (4°)-Albinoleffe (9°) 1-3 (27’Giorgione, 61’Ravasio, 73’Matteo Mandorlini [P], 95’Antonio Montella su rigore), Reggiana (5a)-Feralpisalò (8a) 2-2 (4’Andrea Ferretti (F), 16′ Andrea Bovo [R], 30′ Andrea Ferretti [F], 75’Massimiliano Carlini [R]) e Gubbio (6°)-SAMB (7a) [gara giocata sabato 13 maggio] 2-3 (7’Agodirin, 21’Mancuso su rigore, 75’Mancuso, 86’Casiraghi [G], 92’Michele Rinaldi [G]).

Girone C: Il Lecce (2°) ed il Matera (3° ma soprattutto finalista della Coppa Italia) hanno riposato nella 1a Fase di domenica 14 maggio in cui si sono giocate 4 partite in gara unica in casa delle meglio classificate al termine della Regular Season: Juve Stabia (4a)-Catania (11°) [gara che è stata trasmessa in diretta in chiaro su Rai Sport] 0-0, Virtus Francavilla (5a)-Fondi (10°) 0-0 (Al 30′ espulso Agatino Parisi del Catania per doppia ammonizione), Siracusa (6°)- Casertana (9a) 0-2 (8’Giorno, 81’Corado) e Cosenza (7°)– Paganese (8a) 2-0 (49′ e 70’Mungo. Al 76′ espulso il centrocampista argentino Juan Alberto Mauri della Paganese per aver colpito un avversario con una testata al volto).

In neretto le squadre approdate alla 2a Fase.

Final Eight Play Off (Quarti di finale, gare di andata mercoledì 31 maggio 2017 e gare di ritorno domenica 4 giugno 2017)
Alla fase cosiddetta Final Eight partecipano le 8 squadre vincenti gli incontri della 2a Fase (ottavi di finale), che verranno inserite in un tabellone e accoppiate mediante sorteggio. Il tabellone prevederà oltre ai quarti anche le semifinali e la finale. Il tutto sarà così articolato:
i confronti valevoli quali Quarti di finale saranno disputati in gare di andata (mercoledì 31 maggio) e ritorno (domenica 4 giugno). In caso di parità, saranno disputati i tempi supplementari e perdurando tale situazione, si ricorrerà ai calci di rigore.

Final Four (Semifinali martedì 13 e mercoledì 14 giugno e Finale di sabato 17 giugno) a Firenze
Le Semifinali invece saranno disputate in gara unica martedì 13 e mercoledì 14 giugno ed in campo neutro (Firenze) scelto dalla Lega Pro. In caso di parità, saranno disputati i tempi supplementari e perdurando tale situazione, si ricorrerà ai calci di rigore.
Anche la Finale sarà disputata in gara unica sabato 17 giugno ed in campo neutro (Firenze) scelto dalla Lega Pro. In caso di parità, saranno disputati i tempi supplementari e perdurando tale situazione, si ricorrerà ai calci di rigore.

ALBO D’ORO Lega Pro:
2014/15: Girone A: Novara; Girone B: Ascoli (al posto del Teramo che aveva vinto torneo sul campo ma a cui poi è stato revocato titolo per illecito sportivo) ; Girone C: Salernitana. Supercoppa vinta poi dal Novara. Play Off vinti dal Como.
2015/16: Girone A: Cittadella; Girone B: Spal ; Girone C: Benevento. Supercoppa vinta poi dalla Spal. Play off vinti dal Pisa.
2016/17: Girone A: Cremonese; Girone B: Venezia ; Girone C: Foggia. Le 3 squadre vincitrici dei rispettivi Gironi si giocano la Supercoppa di Lega Pro .

Supercoppa di Lega Pro 2017:
Girone Triangolare con Cremonese (vincitrice del Girone A), Venezia (vincitrice del Girone B) e Foggia (vincitrice del Girone C).
1a Giornata di sabato 13 maggio: Cremonese (0 punti)-Venezia (3 punti) 1-2 (4’Geijo, 34’Talamo [C], 86’Bentivoglio). Ha riposato: Foggia (-).
2a giornata di sabato 20 maggio ore 20,30: Foggia-Cremonese. Riposerà: Venezia.
3a giornata di sabato 27 maggio ore 16,30: Venezia-Foggia. Riposerà: Cremonese.
La squadra classificata al 1° posto risulterà vincente della Supercoppa di Lega (vinta la scorsa stagione dalla Spal) 2017.

Per designare la vincente del Girone Triangolare e dunque della Supercoppa, in caso di parità di
punteggio, verranno applicati nell’ordine i seguenti criteri:
1) differenza reti nelle gare di girone
2) maggior numero di reti segnate nelle gare di girone
3) maggior numero di reti segnate nella gara esterna di girone
4) sorteggio

PLAY OUT (Andata domenica 21 maggio e ritorno domenica 28 maggio) di Lega Pro

Girone A (dove è retrocessa direttamente in Serie D la Racing Roma giunta ultima) ore 17: Lupa Roma (19a)-Carrarese (16a) e Tuttocuoio (18a)-Prato (17°).

Girone B (dove è retrocessa direttamente in Serie D l’Ancona giunta ultima) ore 16,30: Lumezzane (19°)-Teramo (16°) e Forlì (18°)-Alma Juventus Fano (17a).

Girone C (dove è retrocesso direttamente in Serie D il Taranto giunto ultimo): Melfi (19°)- Akragas (16°) ore 16 e Catanzaro (18°)-Vibonese (17a) ore 16,30. Gare di ritorno rispettivamente alle ore 16 ed alle ore 17.

Le gare d’andata verranno disputate sui campi delle squadre peggio classificate al termine della Regular season. Viceversa per le gare di ritorno.
In caso di parità di punteggio, dopo le gare di ritorno, per determinare le squadre vincenti si terrà conto della differenza reti, in caso di ulteriore parità saranno considerate vincenti le squadre meglio classificate al termine del campionato. Le squadre vincenti gli spareggi saranno salve mentre le 2 perdenti retrocederanno in Serie D come 18a e 19a classificata.

Coppa Disciplina Lega Pro 2017 Il Lecce è la squadra più “cattiva” dei 3 Gironi.

COPPA ITALIA LEGA PRO 2016/17:

Semifinali di mercoledì 22 febbraio (andata) ed 8 marzo (ritorno):
PADOVA-VENEZIA 1-1 (30’Nicola Ferrari [V], 36′ Mazzocco [P]) ed 1-3 (3’Fabiano , 48’Stulac, 61′ De Cenco [P], 69’Malomo)
MATERA-ANCONA (Gara giocata mercoledì 1° marzo) 1-0 (75’Casoli. Al 34’Maikol Negro del Matera ha fallito un rigore, calciandolo fuori. Al 52′ altro rigore fallito dal Matera, stavolta con Strambelli il cui tiro dal dischetto è stato parato dall’estremo ospite Anacoura) e 2-2 (12′ Luca Ricci [A], 28′ Zampa [A], 52′ Nicolò Gigli [M], 61′ Maikol Negro [M]) .

In neretto le 2 squadre approdate alla finale.

Finale di mercoledì 29 marzo (e non più il 22, l’andata) e 26 aprile (ritorno in diretta in chiaro su Rai Sport) 2017:
MATERA-VENEZIA 1-0 (44’Maikol Negro. All’82’ espulso per doppia ammonizione Ingrosso del Matera) ed 1-3 (27’Stefano Moreo, 33’Gianni Fabiano, 58’Strambelli [M], 60’Nicola Ferrari. Al 47’espulso Mattera del Matera per doppia ammonizione).
Venezia (al 1° successo in questa manifestazione) succede nell’albo d’oro al Foggia vincendo Coppa Italia Lega Pro 2017.

ALBO D’ORO COPPA ITALIA DI SERIE C (LEGA PRO):
1972/73: Alessandria; 1973/74: Monza; 1974/75: Monza; 1975/76: Lecce; 1976/77: Lecco 1977/78: Udinese; 1978/79: Siracusa; 1979/80: Padova; 1980/81: Arezzo; 1981/82: Lanerossi Vicenza; 1982/83: Carrarese; 1983/84: Fanfulla ; 1984/85: Casarano; 1985/86: Virescit Boccaleone ; 1986/87: Livorno ; 1987/88: Monza ; 1988/89: Cagliari; 1989/90: Lucchese; 1990/91: Monza; 1991/92: SAMBENEDETTESE; 1992/93:Palermo ; 1993/94: Triestina; 1994/95: Varese ; 1995/96: Empoli ; 1996/97: Como ; 1997/98: Alzano Virescit; 1998/99: Spal ; 1999/00: Pisa ; 2000/01: Prato; 2001/02: Albinoleffe; 2002/03: Brindisi ; 2003/04: Cesena; 2004/05: Spezia; 2005/06: Gallipoli ; 2006/07: Foggia; 2007/08: Bassano Virtus ; 2008/09: Sorrento; 2009/10: Lumezzane; 2010/11: Juve Stabia ; 2011/12: Spezia; 2012/13: Latina ; 2013/14: Salernitana; 2014/15: Cosenza ; 2015/16: Foggia; 2016/17: Venezia.

SERIE B: (a 22 squadre; dove l’Ascoli è giunto 15° a pari punti [49] con Pro Vercelli, Avellino e Ternana)
I verdetti parziali:
Spal (1a; neopromossa dalla Lega Pro, torna in Serie A dove manca dalla stagione 1967/68) ed Hellas Verona (2°; promosso in Serie A dove manca dalla scorsa stagione, 2015/16) direttamente promosse in Serie A.

I Play Off decideranno la terza ed ultima promozione in Serie A.
Turno preliminare in gara unica (in casa delle meglio classificate nella Regular Season) Play Off :
Lunedì 22 maggio ore 20,30: Cittadella (6°)-Carpi (7°) e martedì 23 maggio ore 20,30: Benevento (5°)-Spezia (8°)
In caso di parità al 90′ si procederà con i tempi supplementari, qualora persistesse la parità non si battono i calci di rigore ma approdano alle semifinali le migliori posizionate a fine campionato (Cittadella e Benevento)

Semifinali andata (venerdì 26 e sabato 27 maggio ore 20,30) e ritorno (lunedì 29 maggio e martedì 30 maggio ore 20,30, in casa delle meglio classificate nella Regular Season) :
Vincente di Cittadella-Carpi vs Frosinone (3°) e Vincente di Benevento-Spezia vs Perugia (4°)
In caso di parità di punteggio e differenza reti nel doppio confronto, passano le migliori posizionate in campionato (Frosinone e Perugia) senza disputare i tempi supplementari.

Finale Play Off andata (domenica 4 giugno) e ritorno (giovedì 8 giugno sul campo della meglio classificata nella Regular Season):
In caso di parità di punteggio e differenza reti nel doppio confronto, vince la squadra meglio posizionata in campionato senza disputare i tempi supplementari. Qualora le due finaliste avessero invece conquistato gli stessi punti nella Regular Season, in caso di totale parità dopo il match di ritorno si sarebbe proceduto con i tempi supplementari ed eventualmente con i calci di rigore.

Quest’anno non si disputano i play out in quanto il distacco tra la quint’ultima (Ternana) e la quart’ultima (Trapani) è di 5 punti (49 vs 44).
Trapani (giunto 19°), Vicenza (20°), Pisa (21°) e Latina (22°) ultime 4 in classifica retrocedono direttamente in Serie C (Lega Pro).

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 421 volte, 1 oggi)