SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Oltre cento Musei delle Marche, sparsi in 56 comuni daranno vita da domani e fino al 21 maggio ad una serie di iniziative culturali legate al Grand Tour dei Musei in occasione della Giornata Internazionale dei Musei, celebrata dal 1977 che ogni anno affronta un argomento di particolare interesse per la comunità museale.

Per l’edizione 2017, la nona promossa dalla Regione Marche, insieme al Coordinamento regionale Marche di ICOM Italia, in collaborazione con il Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo, Polo Museale delle Marche, il tema scelto è “Musei e storie controverse: raccontare l’indicibile nei musei”.

“ Il filo conduttore di quest’anno – spiega l’assessore regionale al Turismo-Cultura, Moreno Pieroni- per le Marche può essere interpretato come momento di riflessione e di solidarietà nei confronti del territorio e delle istituzioni museali colpite dai recenti eventi sismici. Per questo abbiamo scelto di declinare il titolo in “Raccontare l’indicibile nei musei: bagagli di rinascita”. Musei quindi come testimoni di un evento indicibile, appunto, che ha modificato e trasformato il volto di interi territori, ma anche protagonisti, in virtù di quanto è accaduto, di un rafforzamento del loro ruolo di presidio territoriale e di luogo identitario e di rinascita. A queste istituzioni museali abbiamo dedicato particolare attenzione e loro hanno prontamente risposto alle sollecitazioni e alle istanze di cultura vitale delle comunità.”

Già da domani 18 maggio, infatti, per la Giornata Internazionale alcuni musei nei comuni colpiti dal sisma hanno realizzato visite guidate o percorsi culturali ed altre interessanti proposte:

ACQUAVIVA PICENA, La Fortezza nel Tempo;

ASCOLI PICENO, Museo della Ceramica,

CARASSAI, Antiquarium del Comune;

MONTEFALCONE APPENNINO, Polo Museale Palazzo Felici;

MONTE RINALDO, Museo Civico Archeologico.

E poi, sempre domani, le iniziative di Ancona al Museo della Città, San Benedetto del Tronto al Polo Museale Museo del Mare Museo della Civiltà Marinara e a Pesaro nei Musei Civici di Palazzo Mosca.

I Musei di tutte e cinque le province quindi, fino al 21 maggio, partendo dalle proprie collezioni, testimonianze e memorie di episodi tragici o semplicemente controversi e inespressi del passato e del presente, proporranno attraverso attività di esposizione, interpretazione, discussione, mediazione la rilettura da più punti di vista e invitando il pubblico a una riflessione critica.

Altro appuntamento è per sabato 20 maggio, in occasione della Notte dei Musei, in cui le sedi museali apriranno le loro porte per mostrarsi in una inusuale veste serale e coinvolgendo il pubblico con iniziative musicali, mostre, visite guidate, degustazioni. La Regione Marche, ha dunque coinvolto musei statali, civici e privati, aree archeologiche, gallerie, per un’emozionante ed insolita ‘esperienza’ culturale.

L’orario di apertura delle strutture potrà essere prolungato fino alle ore una di domenica 21 per consentire a tutti un’affascinante visita notturna alle collezioni ed un diverso e innovativo modo di apprezzarle anche attraverso attività d’intrattenimento e di animazione.

Gli strumenti di promozione e comunicazione per l’edizione 2017 saranno i tradizionali canali social regionali dedicati a musei e biblioteche (@marchemusei), cui si aggiunge da quest’anno l’innovativa community culturasmart.social.marche.it. Inoltre, il programma delle iniziative ( dettagliato e allegato in e mail) potrà essere consultato nei portali istituzionali della Cultura e del Turismo della Regione Marche e nel blog www.destinazionemarche.it.

La valorizzazione di Grand Tour Musei avverrà anche tramite la partecipazione delle community e dei travel blogger presenti nel territorio marchigiano e autorevoli protagonisti del digitale che, coordinati dalla Regione e dalla Fondazione Marche Cultura attraverso il Social Media Team, promuoveranno e animeranno i nostri musei con l’hasthag #grandtourmuseimarche2017.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 96 volte, 1 oggi)