GROTTAMMARE – La verità che continua a far male agli organizzatori di eventi (ma non solo) è che oggi le risorse economiche dei Comuni per sostenerli scarseggiano o non esistono proprio. Un’altra, che uccide, è che spesso non c’è nemmeno l’interesse a riguardo.

Chi trova una via di uscita da questa situazione, ne consegna una nuova che paradossalmente potrebbe fare ancora più male – a chi non ci ha pensato, non ha provato o semplicemente non ha voluto: se vuoi organizzare un evento, autofinanziandoti al 100% grazie al contributo degli sponsor e destinarne una parte per sostenere progetti sociali, nessun Comune che alza la cornetta ti dirà di no. Di che materia sono fatti i telefoni comunali? Cosa si cela tra i segreti meandri dei loro fili? Perché non tutti rispondono? Mistero. Per la scienza è più facile studiare un buco nero, anche quando assomiglia al cartellone estivo.

Con il Family Film & Web Series Festival a Grottammare inizia una nuova “era”. È infatti la prima volta che il Comune patrocina un’iniziativa, non a costo zero (arte in cui è già specializzato), ma addirittura con un saldo positivo di 1.000 euro. A tanto ammonta l’assegno versato dalla Vincenti Production, presieduta da Estella Maria Pia  Vincenti, direttore artistico dell’evento “formato famiglia” dedicato al cinema sociale, che si terrà al Kursaal venerdì 19 e sabato 20 maggio (programma in fondo, presentazione qui).

La seconda edizione del festival è stata possibile grazie al sostegno di numerosi sponsor: RomaCar Group, Bistrot Kursaal, Hotel Roma Grottammare, SpiritoSano, Il Caffè del Marinaio, DanzArte Academy, Canalibus, Sideralba, Birra Flea, Krea Hairstylist e Lamantino Brothers.

Anche quest’anno il 10% del contributo raccolto, pari a 10.000 euro, è stato utilizzato per sostenere famiglie bisognose ed associazioni impegnate nel sociale: sono già stati staccati un assegno da 1.000 euro per il Fondo di Solidarietà Cittadino del Comune di Grottammare (500 + 500 euro del 2016) e uno da 300 euro per la Smaisoli Onlus (offerti dall’Assemblea Legislativa della Regione Marche); nei prossimi giorni arriverà anche un terzo assegno da 200 euro per l’associazione umbra Avanti Tutta Onlus. Totale: 1.500 euro a vantaggio delle persone in difficoltà del nostro territorio e tanto di cappello.

“Questo piccolo contributo che offriamo è solo una goccia nel mare, con cui vogliamo aiutare le persone a noi vicine, che potrebbero essere i nostri familiari, i nostri figli – minimizza la Vincenti – Al tempo stesso, con questo gesto vogliamo lanciare un messaggio alle persone che organizzano eventi e chiedono le risorse economiche al Comune. Invece possono essere realizzati cercando degli sponsor, che hanno da guadagnare nel sostenere iniziative di cui beneficiano i cittadini, visto che il loro successo dipende da loro: un vantaggio reciproco. Questa scelta è socialmente utile e ci fa stare bene. Non è un ringraziamento che ci aspettiamo, piuttosto desideriamo che i ragazzi, le famiglie, i cittadini partecipino al festival per divertirsi insieme e farlo crescere”.

“Ben vengano le persone che realizzano un’iniziativa ed offrono un contributo ai comuni, che oggi sono già in difficoltà – sottolinea Alessandra Biocca, presidente del Consiglio Comunale – Un gesto così non capita certo tutti i giorni, e a prescindere dal valore dell’assegno è un messaggio importante”.

Il Fondo di Solidarietà Cittadino nel quale confluiranno i proventi è stato ideato di recente dalla stessa Vincenti per aiutare le famiglie grottammaresi in difficoltà economiche.

“Non prevede uno specifico progetto da realizzare – spiega Clarita Baldoni, assessore all’Inclusività Sociale – ma le risorse disponibili saranno usate per risolvere i problemi che via via si presenteranno”.

Ovviamente anche i cittadini possono contribuirvi effettuando una donazione oppure sostenere con un piccolo gesto altri progetti socialmente utili, anche se spesso non ci pensano.

“Tutti possono donare il 5 per mille ai servizi sociali del proprio Comune, e contando 15.000 abitanti sarebbe un grande aiuto – conferma Igor Vita, responsabile Segreteria e Affari Generali – Anche queste 1.000 euro donate oggi, non è che possano ‘salvare’ tutti quelli che hanno bisogno, ma restano un contributo importante se si pensa che si rivolgono a noi anche delle famiglie che non riescono a pagare una bolletta da 80 euro. Solo per questo scopo, potremmo aiutarne diverse”.

A chi non ha il problema di arrivare a fine mese o di pagare le bollette, la cifra potrà sembrare irrisoria. Ma bisogna scegliere da che parte stare: far divertire senza dimenticare il prossimo oppure criticare.

Una cosa facile come bere un bicchiere d’acqua. Invece di un aperitivo al Kursaal offerto dagli sponsor.

PROGRAMMA

Venerdì 19 MAGGIO

Dalle 10 alle 13 si terrà la premiazione delle scuole e dei cortometraggi al Teatro Kursaal: “Saranno proiettati 18 spot e 3 videoclip realizzati dal Liceo Licini e 2 cortometraggi esterni“, anticipa la Vincenti. L’ospite speciale che rallegrerà la mattinata sarà Daniele Falconi, il noto cabarettista fermano che vestirà i panni dell’amato Nonno Filì

Alle 15.00 in piazza sarà la volta del flash mob, curato da DanzArte Academy diretta da Cristina Orsini, che anticipa: “Gli allievi proporranno una coreografia ispirata al passato, con costumi anni ’50, e balleranno insieme a tutti quelli che vorranno partecipare”. “Un’americanata? – provoca la Vincenti – No, è solo un modo per coinvolgere i giovani, i genitori, le famiglie e farli divertire perché è un diritto di tutti”.

Dalle 15.30 alle 18.30 si svolgeranno al Bistrot Kursaal i casting per il nuovo cortometraggio diretto da Edoardo Velo e le selezioni per Il Cantagiro (dettagli per partecipare in fondo): “Edoardo è un attore a 360°, una persona umile, preparata e in grado di arrivare al cuore dei giovani – afferma la Vincenti – Di recente ha ottenuto un grande successo con la fiction Sorelle, premiata dal 26% di share. Stavolta dirigerà C’era una volta il Kursaal, un cortometraggio legato al territorio e dal sapore rétro. Anche la selezione per Il Cantagiro è una novità, possibile grazie alla collaborazione di Remo Francesconi: sarà scelto un cantante che accederà direttamente alla finale regionale della celebre gara canora”.

Dalle 20 si svolgerà presso il bistrot una cena-spettacolo a cui parteciperanno anche gli ospiti della giornata (costo 25 euro adulti, 10 euro bambini). Sarà allietata dalla sfilata di moda della giovane stilista grottammarese Erica Marcelli, che ha curato interamente da sola una capsule collection a “km zero” di 25 capi, dall’idea al disegno alla realizzazione.

Sabato 20 MAGGIO

Dalle 10.30 alle 13 si svolgerà un talk show in diretta streaming, curata dai Lamantino Brothers, su un tema-domanda che scotta: “Il mondo del web come influenza i giovani e la nostra società?”. I ragazzi di DanzArte si esibiranno poi a teatro con una coreografia sulla sigla del festival “Ciak, si gira!”.

Dalle 15.30 alle 18.30 si proseguirà con la proiezione gratuita di tutti i cortometraggi.

Info e contatti
estella.vincenti@gmail.com – 333 39 57 807
Pagina fb Grottammare Family Film & Web Series Festival

COME PARTECIPARE
Presso il Bistrot Kursaal di Grottammare è possibile iscriversi ai casting. Il casting è fissato a venerdì 19 maggio con inizio alle 15.30, ma i partecipanti sono tenuti a presentarsi alle 15.
Per il cortometraggio portare 2 foto e un brano a piacere.
Per il casting de “Il Cantagiro” portare la base e possibilmente testo a memoria. Possono partecipare tutti i candidati di qualsiasi nazionalità e che propongano qualsiasi genere musicale divisi nelle seguenti categorie:
– i nati fino al 31.12.2002: CANTAUTORI – INTERPRETI – LIRICO – POP – RAP – FOLK BAND (per band si intendono i gruppi formati da più di 2 persone)
– i nati dal 01.01.2003 al 31.12.2006: JUNIOR
– i nati dal 01.01.2007 al 31.12.2011: BABY

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 395 volte, 1 oggi)