SAN BENEDETTO DEL TRONTO – La Samb chiude la stagione regolare battendo il Pordenone per 2 a 1 al termine di un’ottima gara. Sfiorato il sesto posto col Gubbio che riesce a vincere solo al 90′

FRANCO FEDELI : “Purtroppo è arrivata una doccia fredda all’ultimo minuto, ci avevamo creduto quando avevamo visto il 2 a 2 del Gubbio. L’avevo detto che contro l’Ancona ci eravamo liberati e oggi è stata la prova di quello che dicevo. Sono fiducioso, possiamo essere la sorpresa dei playoff. Non abbiamo in ogni caso perso oggi la possibilità di andare al sesto posto, in altre occasioni abbiamo perso punti per strada. La partita col Teramo in trasferta la rimpiango ancora così come rimpiango anche alcune partite in casa come quella contro l’Ancona o contro la Maceratese.”

STEFANO SANDERRA: “Sono felice per i 3 punti e la prestazione, preparata bene anche psicolgicamente. I Ragazzi non si sono rilassati dopo Ancona e hanno battuto il Pordenone che è una squadra di rango e molto tecnica. Sono contento anche per Pegorin e Di Filippo, gente che si è fatta trovare pronta nonostante non giocassero da tempo. Siamo un bel gruppo, abbiamo raggiunto un settimo posto importante, in due gestioni, credo che i ragazzi siano andati anche oltre le loro possibilità. N’Tow mezz’ala? L’ho provato lì in settimana e non è stata una soluzione d’emergenza, può essere riproposto anche in futuro in quella posizione perché ha gamba e corsa. Adesso andiamo a Gubbio domenica ma dobbiamo dare un colpo di spugna e dimenticare che gli umbri li abbiamo battuti due volte. Vincere in trasferta in 90′ non è mai facile, serve un’impresa ma andremo lì per mettercela tutta e provarci.”

 

ANDREA FEDELI: “C’è certamente rammarico per qualche punto perso per strada, ma fa parte del percorso di questa squadra, non era certo oggi che dovevamo conquistare il sesto posto. Ho visto una bella prestazione dei ragazzi, meno calcio-tennis e più un gioco ragionato. Mi fa ben sperare”.

FABIO PEGORIN: “Oggi ho visto benissimo la squadra, i ragazzi ce l’hanno messa tutta. Ci credo che possiamo sorprendere tutti ai playoff. Un giudizio sul mio campionato? Giudico bene questo mio primo anno fra i protagonisti, promosso senza debiti, mi servirà per crescere. I Playoff? Questa settimana lavoreremo tutti assieme per andare a Gubbio a strappare una vittoria.”

GIANVITO MISURACA: “Per me c’era il rigore di Grillo. All’andata c’era stata una situazione simile ed è successo un po’ di casino quindi stavolta dico c’era e punto. Credo meritassimo un po’ di più ma alla fine ha vinto la Samb e complimenti a loro.  Quest’estate sono stato cercato dalla Samb, alla fine ho scelto il Pordenone nonostante questa sia un’ottima piazza. A Pordenone ho ancora 2 anni di contratto.”

BRUNO TEDINO: “Noi siamo molto felici, abbiamo giocato una partita vera, c’erano due squadre in campo che hanno giocato per vincere. Ho letto che noi siamo partiti per vincere il campionato ma non è affatto così, mi dà fastidio che si guardi in casa nostra. Noi e la Samb abbiamo giocato come due pugili che se le danno di santa ragione, alla fine ha vinto la Samb ma voglio in ogni caso sottolineare la prestazione dei miei in un campo difficile, contro un avversario forte. Playoff? Sono partite secche e non pronosticabili, affrontiamo il Bassano, capace di capolavori negli anni passati. Sono sicuro però che i miei ragazzi ci metteranno l’atteggiamento giusto. Come vedo la Samb? Credo che sia stata costruita con ottimi giocatori, non ha avuto continuit di risultati ma nessuno, a parte il Venezia, ne ha dimostrata in questa stagione”.

LEONARDO MANCUSO: “Ho acquisito una grande consapevolezza in questa stagione. Il gol più bello di quest’anno? Sicuramente il primo in casa contro il Teramo, al volo di sinistro sotto la nostra curva. Dopo la partita contro la Reggiana abbiamo avuto un calo e oggi ci siamo risollevati, abbiamo fatto vedere un buon calcio e una ottima determinazione. Io da prima punta? Credo che ci siano altre prime punte in squadra che possano fare meglio di me. Io penso di dare il meglio quando parto da esterno e posso fare i tagli. A Gubbio? Servirà una prestazione perfetta ma ci crediamo perché ci arriviamo bene, possiamo farcela”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.502 volte, 1 oggi)