SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Realizzare uno strumento musicale per poi fargli compiere un percorso particolare per la promozione della pace nel mondo (la musica come veicolo universale per raggiungerla): un viaggio partito da Assisi attraverso la benedizione presso la Basilica di San Francesco e le tappe successive sono state (e saranno) quelle dei più grandi chitarristi del mondo affinché con la loro firma sullo strumento si possa contribuire a promuovere la pace.

E’ questa la missione del sambenedettese Alberto Romani, ingegnere e architetto amante della musica: “Mi occupo anche di liuteria” afferma a Riviera Oggi.

Proprio in quell’ambito ha realizzato una chitarra elettrica, chiamandola Franciscana: “In onore di San Francesco D’Assisi. Lo strumento farà un percorso per la promozione della pace del mondo. Un viaggio partito, appunto, da Assisi e che coinvolgerà vari artisti mondiali. L’ultimo a firmare sarà Papa Francesco e subito dopo la chitarra tornerà in Umbria”.

Quali chitarristi hanno contribuito finora a questa nobile causa?

“Hanno già contribuito Joe Satriani, Phil Palmer e Pat Metheny. Ho avuto l’onore d’incontrare Pat al Palariviera di San Benedetto alla vigilia del suo concerto (n.d.r. si esibirà il 3 maggio). Ho nel mirino, come ho detto prima, altri artisti mondiali prima di arrivare a Papa Francesco ma non posso dire di più ora. Sono sicuro che attraverso questi gesti e opere, ognuno di noi in generale possiamo indubbiamente sensibilizzare moltissime persone nel mondo“.

Su Phil Palmer c’è un progetto ambizioso.

“Esatto. E’ in corso un mio progetto, tramite contatti diretti e con il loro manager di far venire i ‘Dire Straits Legacy’ (formazione dei membri storici dei Dire Straits che si sono riuniti) a San Benedetto del Tronto. Sarebbe sicuramente un grande evento che porterebbe benefici a tutta la città”.

Hai sfiorato nell’estate 2016 la firma di Roger Waters data la sua “apparizione” a San Benedetto.

“Già, peccato. Quando arrivai, Roger aveva da poco lasciato lo chalet. Fu un’apparizione inaspettata che ha colto di sorpresa pure voi di Riviera Oggi! Magari tornerà un giorno, mai perdere la speranza”.

Comunque è davvero lodevole la tua iniziativa.

“Vorrei aggiungere che sono consapevole che la pace si costruisce, innanzitutto, partendo dai nuclei più piccoli: famiglia, amici, fidanzati e sposi. Dati i giorni difficili che il mondo vive, è bene ricordarlo”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.265 volte, 1 oggi)