GROTTAMMARE – Le associazioni culturali che operano a Grottammare avranno un Albo e una “casa”. Lo ha stabilito  il consiglio comunale, nel corso della seduta nella quale è stato ufficializzato anche l’utilizzo dell’avanzo di amministrazione dell’anno finanziario 2016: è da quel fondo che verranno attinte le risorse necessarie per finanziarie l’indagine strutturale necessaria a capire le condizioni di stabilità del Ponte sul Tesino del Lungomare De Gasperi, chiuso da giovedì 20 aprile al transito veicolare e ciclopedonale per lesioni riscontrate sotto le campate.

Tra le novità introdotte, c’è anche la dotazione di strumenti di autodifesa alla Polizia municipale: il consiglio ha approvato all’unanimità un regolamento che disciplina le caratteristiche degli strumenti, identificati in spray antiaggressione, e l’obbligo formativo per il loro utilizzo.

Il consiglio ha approvato – (contrari Grottammare Futura (Mariani), Città unica (Vesperini) e Movimento 5 stelle (Manigrasso), favorevoli Solidarietà e partecipazione (maggioranza) e Concetti Sindaco (Vagnoni) – anche il punto sulla modifica statutaria del CIIP spa, che verrà portata in approvazione nel corso dell’assemblea dei comuni soci e riguarda i rapporti tra gli enti soci e la Società deputata alla gestione del servizio idrico.

Con lo stesso esito di voto del punto precedente,  sono state approvate le proposte sulle questioni finanziarie di questo consiglio, legato a scadenze di legge. Il rendiconto dell’esercizio 2016, con relativa applicazione dell’avanzo di amministrazione, e una variazione di bilancio legata all’inserimento in bilancio di nuove poste da fondi regionali (20.800 euro, destinati a quei nuclei familiari sfollati causa terremoto che hanno deciso per l’autonoma sistemazione, e un contributo di  11.500 euro per lavori di intervento post terremoto al DepArt.)

Per quanto riguarda l’utilizzo dell’avanzo di amministrazione, il consiglio ha approvato quanto stabilito nelle settimane scorse dalla giunta comunale.

Per la parte di competenza corrente (615 mila euro):

35 mila euro serviranno a ripianare il disavanzo generato dal passaggio ai nuovi principi di contabilità pubblica entrati in vigore nel 2015 e che dovrà essere ammortizzato con un piano trentennale di rientro attraverso miglioramenti annuali; 523.000 € sono accantonati a garanzia dei crediti di dubbia esigibilità;

33 mila euro confluiranno nell’avanzo vincolato per spese correnti (si tratta di finanziamenti incassati ma non ancora spesi);

24 mila euro vanno al fondo rischi ed oneri futuri, cioè spese che potranno verificarsi in futuro, come per esempio, i rinnovi contrattuali.

Per la parte degli investimenti, dei  350 mila euro di avanzo, verranno applicati nel bilancio 2017, 335 mila euro, così ripartiti: 47 mila circa per opere di miglioramento funzionale del civico cimitero, 187 mila  per il progetto di accesso al vecchio incasato da via Sant’Agostino, 100 mila per manutenzioni straordinarie e viabilità.

In questa voce, rientra l’emergenza “ponte Tesino”, per il quale sono stati messi a disposizione 72 mila che serviranno a sostenere l’incarico al professionista che guiderà  le indagini strutturali, i servizi del laboratorio di indagine accreditato dal Ministero, l’intervento della ditta che eseguirà i rilievi materialmente e il noleggio dei mezzi e delle strumentazioni necessarie. Dai risultati di questa fase, che è stata deliberata ieri dalla giunta comunale,  dipenderanno la chiusura parziale o totale del ponte e l’eventualità di eseguire una manutenzione straordinaria.

La stessa votazione dei punti precedenti ha permesso la modifica al Programma triennale 2017/2019 ed elenco annuale delle opere pubbliche, consistente nell’ampliamento del progetto di accesso al vecchio incasato da via Sant’Agostino e nel miglioramento funzionale del civico cimitero.

Votazione favorevole unanime per l’approvazione del regolamento che istituisce l’Albo delle Associazioni, mentre per quello relativo all’assegnazione degli spazi presso la Casa delle Associazioni di via Palmaroli si sono mostrati favorevoli la maggioranza e Concetti Sindaco, contrari i consiglieri di Città Unica  (Vesperini e Ciocca) e Grottammare Futura (Mariani).

All’unanimità è stata approvata anche l’istanza di un privato (ditta Olivieri Eugenio) per la trasformazione di una unità immobiliare in via Torino da commerciale a uffici, richiesta tramite Sportello unico. L’iter, che ha portato a una riduzione del carico urbanistico, ha determinato anche un beneficio pubblico: il privato realizzerà la nuova pavimentazione del sottopasso SS16 che collega via Alighieri con via Firenze.

Con l’approvazione unanime degli ultimi due punti, infine, è stato incrementato il patrimonio comunale, senza costi.

La legge, infatti, permette agli enti locali di disporre l’accorpamento al demanio stradale di porzioni di terreno utilizzate ad uso pubblico, ininterrottamente da oltre venti anni, previa acquisizione del consenso da parte degli attuali proprietari. In questo caso, sono annessi al patrimonio pubblico l’ area parcheggio cimitero e un’area all’interno della ex Esso, in zona Ischia.

(Letto 185 volte, 1 oggi)
Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 185 volte, 1 oggi)