SAN BENEDETTO DEL TRONTO-  Pubblichiamo una nota inviata da Matteo Cicconi, segretario del circolo sambenedettese di Rifondazione Comunista.
“Buongiorno,
sono Matteo Cicconi, segretario del circolo sambenedettese del Partito della Rifondazione Comunista. Vi scrivo per segnalare la presenza massiccia su tutto il territorio comunale di manifesti abusivi e scritte sui muri, con particolare riferimento a decine di manifesti apparsi in queste ultime ore e riconducibili, come pure molte scritte, a organizzazioni d’ispirazione neofascista. Vi chiedo se e quando il Comune abbia intenzione di intervenire per porre rimedio a questa situazione, o se si è piuttosto deciso di intervenire in questi casi discrezionalmente, sulla base di pressioni della stampa o di motivazioni politiche. Non è infatti possibile che venga tollerata la proliferazione di questo genere di messaggi sui muri di San Benedetto, non solo per il danno materiale che comportano ma soprattutto per il pensiero di ispirazione fascista e razzista che veicolano. Per questi motivi ribadisco la mia richiesta verso chi amministra la città: chi di dovere si adoperi (ora, quindi tardivamente) affinché questo tipo di propaganda scompaia dalle nostre strade, rimuovendo manifesti e scritte, come fatto -giustamente- di recente in altre occasioni, e multando i responsabili della loro diffusione, stavolta ben identificabili. Vorrei ricordare inoltre che siamo in prossimità del 25 aprile, festa della liberazione dal nazifascismo, un motivo ulteriore, semmai fosse necessario, affinché questo tipo di iniziative che si richiamano a quel passato inglorioso e criminale vengano giustamente stigmatizzate e punite.”

(Letto 722 volte, 1 oggi)
Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 722 volte, 1 oggi)