SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Primo giorno di lavoro per la Samb dopo la lunga trasferta di Bergamo. Gli uomini di Sanderra si sono ritrovati alle 10 al “Riviera delle Palme” e la buona notizia è che Leonardo Mancuso è sceso regolarmente in campo con i compagni, candidandosi a questo punto a una maglia da titolare e a un ruolo di protagonista anche sabato contro il Modena, antipasto di Pasqua in salsa emiliana. L’attaccante milanese ha svolto la prima parte dell’allenamento con i giocatori che sono scesi in campo contro l’Albinoleffe, producendosi quindi in poco più che una corsetta defaticante mentre nella seconda parte è sceso regolarmente in campo per la partitella a ranghi ridotti condotta dallo stesso Sanderra. Riportiamo un VIDEO di uno spezzone della partitella.

PARLA SIMONE MATTIA Dopo gli allenamenti c’è stata anche l’occasione per sentire uno dei protagonisti del pareggio contro l’Albinoleffe quel Simone Mattia che ha ben figurato col compagno di reparto, e coetaneo, Di Pasquale. “Quello di Bergamo è un buon punto” chiosa il difensore tornando sulla partita di lunedì  “perché sapevamo che avremmo incontrato una squadra difficile, ci prendiamo questo punto e continuiamo la nostra serie positiva”.

Come “monday night”, quello di Bergamo non è stato però troppo spettacolare, ma Mattia ha la sua personale spiegazione: “Penso che all’Albinoleffe non andasse bene il pareggio e in diversi frangenti ha spinto per fare gol, nel primo tempo però è vero che ci siamo aspettati a vicenda ma nel secondo penso che anche la Samb abbia cercato di fare qualcosa in più”.

MATTIA E DI PASQUALE: CHE COPPIA! La partita contro i blu-celesti verrà però ricordata principalmente per la bella prestazione offerta dallo stesso difensore romano e dal compagno Davide Di Pasquale, che hanno dimostrato un’amalgama davvero sorprendente: “Io e Davide ci alleniamo insieme tutti  i giorni quindi non ho trovato difficoltà a giocare in coppia con lui” sottolinea Mattia, che poi spiega anche quello che, forse, è stato il loro segreto lunedì: “Ci siamo divisi il compito i richiamare la linea difensiva, nessuno dei due voleva prevaricare l’altro e penso che la nostra forza sia stata saperci aiutare a vicenda”.

PAROLE AL MIELE PER SIMONE INZAGHI L’ex capitano della Lazio primavera, dopo tanti mesi di panchina, sta trovando spazio con continuità, e questo forse, farà piacere al sue ex tecnico, quel Simone Inzaghi che, un po’ come lui, si sta togliendo delle belle soddisfazioni fra i “grandi”, seppur in ruoli e serie diversi. “Non sento mister Inzaghi da qualche mese per la verità” confessa il ragazzo “ma non mi stupisce il gran rendimento con la Lazio perché il mister è un gran lavoratore e se lo merita, nella vita il lavoro paga sempre.”

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 369 volte, 1 oggi)