VERONA – L’azienda vinicola “Poderi Capecci San Savino” di Ripatransone è stata premiata con il Cangrande, prestigioso riconoscimento che viene assegnato ai “benemeriti della vitivinicoltura italiana”.

Il premio è stato conferito, a Verona, nel corso della prima giornata del Vinitaly, il Salone internazionale del vino e dei distillati che richiama operatori da tutto il mondo. Il premio è stato ritirato da Simone Capecci, accompagnato sul palco dalla vice presidente della Regione, Anna Casini. I “benemeriti” vengono segnalati dagli assessorati regionali all’Agricoltura tra coloro che, con la propria attività professionale, contribuiscano al progresso qualitativo della produzione enologica nazionale.

“È stata premiata un’azienda che ha fatto della qualità e dell’innovazioni i punti di forza della propria attività enologica – ha commentato Casini – Un’impresa storica del territorio, cresciuta grazie al lavoro appassionato e competente di generazioni di agricoltori, che hanno contribuito all’affermazione di un vino autoctono del Piceno, come il Pecorino, in un’eccellenza marchigiana”.

Una storia che è nata “nel cuore delle Marche”, legando la fertilità del terreno e le condizioni climatiche ideali per la produzione vinicola, alle tradizioni del territorio. L’azienda, oggi,con una costante attenzione alla coltivazione biologica, guarda alla ricerca e all’innovazione per migliorare e potenziare vitigni autoctoni come il Pecorino, la Passerina, il Sangiovese e il Montepulciano.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 181 volte, 1 oggi)