FERMO – Brutto episodio accaduto la settimana scorsa di cui i dettagli sono stati rivelati solo nel pomeriggio del 29 marzo.

Il Commissariato di Polizia di Fermo ha denunciato alla locale Procura un giovane cittadino tunisino per il reato di lesioni aggravate in danno di due donne dell’est Europa ma residenti nel Fermano.

La vicenda ha origine in questa maniera: le due signore si trovavano sedute su di un tavolo di un bar di Lido Tre Archi. Ad un tratto hanno notato un cane di grossa taglia, senza guinzaglio e museruola.

Le donne, spaventate, chiedevano di chi fosse il cane che dopo poco veniva richiamato dal padrone.

E’ intervenuto un secondo giovane con il quale nasceva dapprima un alterco verbale nel corso del quale il ragazzo ha insultato le donne con offese e minacce: “Vi faccio sparire, so dove abitate”.

Poi il  giovane  ha afferrato la tazza di un cappuccino lanciandola contro una delle due. Non pago, il giovane ha afferrato una sedia ed ha iniziato ad aggredire le due signore che venivano colpite.

Alla minaccia da parte delle due vittime di chiedere l’intervento della Polizia il giovane desisteva dalle sue deprecabili gesta e fuggiva.

Sul posto è intervenuta un’autoambulanza che accompagnava le due malcapitate presso il Pronto Soccorso di Fermo. Qui, ad entrambe, sono state diagnosticate lesioni guaribili in dieci giorni.

Le attività investigative condotte dal Commissariato di Polizia, anche grazie  la visione di una telecamera di sicurezza del Comune, non solo ha consentito di confermare la vicenda e l’aggressione subita dalle due donne ma anche di identificare l’autore, già noto negli ambienti di Polizia, che, come anticipato, veniva denunciato.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 857 volte, 1 oggi)