SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Rifondazione Comunista ha un nuovo segretario, si tratta di Matteo Cicconi, 27 anni sambenedettese ma residente a Monteprandone, iscritto al circolo dal 2015 e già coordinatore provinciale dei Giovani Comunisti oltre che membro del coordinamento nazionale.

A seguito del 10°congresso del circolo di San Benedetto del Tronto e Monteprandone, il partito ha rinnovato tutte le sue cariche interne andando a formare anche il nuvo direttivo, così composto adesso: Maria Bernardini, Matteo Cicconi, Roberto Colonnella, Katia d’Emidio, Gian Marco Falgiani, Mirco Marcozzi, Gabriele Marcozzi, Matteo Pierantozzi, Daniele Primavera, Fosco Travaglini e Catia Venieri.

Cicconi subentra dopo 6 anni a Gabriele Marcozzi, segretario uscente, che “il direttivo di circolo ha ringraziato per l’impegno profuso e per l’importante risultato di aver garantito continuità nella gestione, oltre a buoni numeri nel tesseramento e la presenza del partito, tutt’altro che scontata, alle competizioni elettorali locali” si legge dal comunicato stampa di Rifondazione.

Nel suo discorso d’insediamento, Cicconi ha ribadito come: “Rifondazione si pone in netta alternativa sia rispetto all’amministrazione Piunti e sia al Partito Democratico che, dopo aver causato la disastrosa sconfitta del 2016, appare oggi incapace di creare un’opposizione credibile alle destre che governano la città” leggiamo ancora in un passaggio.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 860 volte, 1 oggi)