GROTTAMMARE – E’ stata una giornata intensa quella del 21 marzo, vissuta nella località grottammarese.

Duemila persone, fra cui tanti giovanissimi, hanno invaso Grottammare da tutta la Regione Marche per ononorare la “Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime delle mafie”. La celebrazione ha avuto il culmine in piazza Kursaal con la lettura dei nomi delle vittime, oltre 900. (CLICCA QUI)

I giovani giunti da tutte le Marche hanno portato striscioni, bandiere e scandito cori a favore della legalità e contro la mafia.

Nel pomeriggio i seminari che si sono svolti in biblioteca, nella sala consiliare e al Kursaal hanno fatto registrare una buonissima adesione.

Visibilmente soddisfatto il sindaco Enrico Piergallini che a Riviera Oggi ha affermato: “E’ stata una splendida giornata di primavera. La partecipazione al corteo è stata vicina alle aspettative. In piazza Kursaal abbiamo avuto quasi 2 mila persone. E’ stato un corteo colorato, giovane e molto festoso. Toccante il silenzio e l’omaggio al momento della lettura dei nomi delle vittime. Nel pomeriggio è seguito un momento di riflessione con i seminari. Appuntamenti rivolti al futuro e per non dimenticare. Siamo onorati di essere stati scelti dall’associazione Libera per ospitare questa rassegna importante”.

Anche il consigliere comunale delegato alla Partecipazione, Stefano Novelli, intercettato da Riviera Oggi al corteo ha affermato: “E’ una giornata molto bella che ripaga tutti i nostri sforzi. Un percorso iniziato tanto tempo fa che ha portato a ciò: una partecipazione meravigliosa dei giovani per dire no alle Mafie e sì alla legalità. Siamo davvero contenti e soddisfatti”.

Anche l’assessore regionale Fabrizio Cesetti ha commentato con soddisfazione la commemorazione a Grottammare: “E’ la giornata della memoria che apre le porte all’impegno: siamo insieme all’associazione Libera, a don Luigi Ciotti, ai tantissimi giovani e a tutti i cittadini che stanno manifestando per contrastare mafie, illegalità e corruzione”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 287 volte, 1 oggi)