TERAMO – La Commissione Ambiente della Camera ha licenziato il disegno di legge su sisma, frane, maltempo. In Provincia, un’analisi delle modifiche ottenute insieme alla Regione e con tutti i Comuni regionali danneggiati: allargamento del cratere, riconosciuti i danni da frane e smottamenti, finanziamenti per le verifiche sismiche nelle scuole.

Renzo Di Sabatino, presidente della Provincia di Teramo: “Moderatamente soddisfatto, certo le nostre proposte hanno modificato sostanzialmente il Decreto Sisma. Un bel lavoro di squadra, e’ servito il lavoro della Regione e di D’Alfonso ma anche le iniziative del territorio e le manifestazioni che hanno contribuito a far contestualizzare meglio i fatti. Rimangono questioni aperte, quello, piu’ urgente della specificita’ della citta’ di Teramo e delle zone economiche speciali. Ma e’ iniziato un percorso e noi ci siamo”.

Entrano nel cratere Castel Castagna, Pietracamela, Fano Adriano, Colledara, Isola del Gran Sasso.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 85 volte, 1 oggi)