PAGLIARE DEL TRONTO – “Daniele e Daniela Diomede non hanno alcuna fretta. Non si devono individuare i responsabili domani, non dobbiamo fare le richieste risarcitorie domani. Aspettiamo tutto il tempo che ci vuole. Abbiamo la massima fiducia della magistratura”.

Così l’avvocato Vincenzo Maccarone, che assiste Daniele e Daniela Diomede (i figli dei due coniugi morti nel crollo del cavalcavia sull’A14 a Camerano) all’Ansa.

Il legale è stato in Procura ad Ancona. Nessuna indiscrezione sul colloquio avuto con il pm Irene Bilotta, ma l’impressione ricevuta da Maccarone è che gli inquirenti “sono su una buona strada, e hanno già un’idea” precisa di quel che è accaduto sul ponte 167.

E nella mattinata del 14 marzo al termine di un sopralluogo condotto insieme alla Polizia stradale e alle ditte appaltatrici di Autostrade per l’Italia, Bilotta ha firmato un decreto che dispone la demolizione delle due parti restanti del cavalcavia. Prosegue l’attività degli investigatori che stanno sentendo gli operai e le persone presenti sul posto il giorno del disastro.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 382 volte, 1 oggi)